lunedì, dicembre 19, 2016

Materiale dell'anno: il fu Nokia 1110

Sempre con me quando è necessario
un telefono in gara
Difficilmente parlo di materiali su questo blog. Sui vari orologi super tecnologici non posso riferire, in quanto sono anni che non ne uso più uno. Degli zaini, quelli che oggi sembrano la leggerezza fatta veste, diventano la zavorra di domani. Sulle scarpe, quelle che sotto l'albero di Natale promettono i miracoli, a Pasqua sono l'origine di tutti gli infortuni della terra.

Solo un dispositivo ha superato la prova del tempo e mi ha accompagnato per tutti questi anni, senza abbandonarmi mai, dal monte Raut, al monte Lama, dal Segantini alla Casera Valine Alta, dall'Eisenstein al Rocco Ponnina.
Vale a dire il mio Nokia 1110, sempre con me quando il materiale obbligatorio richiedeva un telefono. Questo piccolo dispositivo, dal 2008, non mi ha mai fatto perdere tempo nello scattare foto, nell'aggiornare in gara Facebook e compagnia, con una batteria che dura una decina di giorni.
Perché ne parlo solo ora? Perché probabilmente non potrà più accompagnarmi in gara, in quanto l'altoparlante, assieme al mio piede sinistro, ha inspiegabilmente smesso di funzionare, trasformando le mie chiamate a direzione unica.

Ma è davvero così problematico non sentire l'altro interlocutore?

sabato, novembre 19, 2016

Bilancio stagionale 2016

Buone vacanze ai piedi
Anche quest'anno è arrivato il momento del post che tratta il bilancio della mia stagione appena conclusa.
Ancora da record per quanto riguarda i chilometri in gara: 1130 km e 39000 metri di dislivello positivo affrontati con un numero attaccato alla maglia.
Le ultra che ho percorso sono state 7, di cui solo una sotto i cento chilometri confermando il trend quantitativo dello scorso anno.
Devo dire che ho decisamente migliorato le prestazioni nelle gare in ambiente alpino, tra tutte un'ottima prestazione nell'Adamello Ultra Trail.
Già in gennaio ho affrontato la prima ultra just for fun, anche se con qualche problema muscolare.
Ho poi rispolverato il cross ed è stato divertente, tornando addirittura sul podio di categoria in una gara sotto i venti minuti.
Aprile, invece, si è confermato un mese problematico con un clima primaverile per me ostile, dove la maratona di Vienna e l'Abbots Way ne hanno risentito, anche se in quest'ultimo ho fatto molto meglio rispetto al 2015.
A fine maggio è stato il periodo di massima forma, con un ottimo piazzamento al Trail del Salame. Forma che ho cercato di mantenere per qualche settimana fino alla Mozart100, una delle due gare in cui ho cercato di andare sempre al limite, ma con una prestazione non esente da problemi. Problemi muscolari che non si sono risolti nei giorni successivi, e così mi sono ritrovato sul Veitsch a combattere, con successo, contro il mio primo DNF della carriera.
Agosto è stato il mese dell'Iron Trail, una gara che ho svolto con l'handicap della quota, ma che ho affrontato con lo spirito di finirla, trovando anche un ottimo inaspettato finale. Ma 200 chilometri in ambiente alpino, a tratti con maltempo, lasciano il segno.
In settembre sono tornato a gareggiare sulla Rax, gara dove mi aspettavo un tipo di prestazione che proprio non è arrivata. Ma forse è servita per poter affrontare con più umiltà l'Adamello, una gara nella quale ho avuto veramente ottimi momenti, anche se inframezzati da una crisi micidiale di stomaco, dove alla fine sono andato oltre il limite di sopportazione dei miei piedi ottenendo un piazzamento inaspettato.
In questo stato ho voluto lo stesso affrontare la preparazione al Wien Rundumadum sulla falsa riga dello scorso anno, ma il mio piede sinistro non me l'ha consentito. Così non mi è rimasto altro che affrontarla con l'obbiettivo, se possibile, di finirla per la terza volta consecutiva.

E le gare su strada? Tranne la Mozart, che però aveva solo il 40% di asfalto, sono andato decisamente peggio rispetto agli anni passati. Chissà che non sia lo stimolo per tornare a fare meglio in questa tipologia di gare.
 
 

martedì, novembre 01, 2016

Wien Rundumadum terza edizione

Classico arrivo in palestra al sabato sera dopo oltre 16h di gara
Ci sono gare con le quali faccio fatica a capire come mai abbia deciso di presentarmi al via, ma se il DNF (do not finish - ritirato in gara) non fa parte del mio curriculum, dopo una miriade di gare, anche il DNS (do not started - non partito)  mi risulta sempre più indigesto.  Così, con un allenamento in dosi omeopatiche nelle gambe, 3 uscite da 10km e una gara da 8km in 5 settimane, ma sopratutto un dolore al piede che non mi abbandona dal dopo Adamello 180, mi presento al ritiro pettorale di questo Wien Rundumadum edizione 2016, 130Km e 1800 D+ attorno a Vienna. Con Michele affrontiamo la notte in palestra, dove al rientro dalla cena dal ristorante indiano, la ritroviamo già in profondo sonno e quasi rimaniamo chiusi fuori. Prima del via, saluto e scambio qualche impressione sulla stagione appena trascorsa con molti personaggi conosciuti, per poi ritrovarmi all'inizio del breefing che non sono ancora pronto. Al via, anticipato di un'ora rispetto agli anni scorsi, sotto una fastidiosa pioggerellina, sento i primi mal di pancia. Forse il freddo, infatti ho dimenticato a casa i manicotti, oppure il cibo ingerito, non mi fanno stare bene per i primi chilometri. Che non sarebbe stata una gara comoda lo avevo già preventivato, ma almeno all'inizio speravo in qualche momento di relax, invece neanche il meteo è di conforto. Le suole delle scarpe non sono a posto e scivolano, l'intestino richiede soste extra nel bosco e allora mi tocca chiamare la moglie per farmi portare del materiale nuovo, un vantaggio nella gara che passa sotto casa, ma in altre gare lontane certi errori non li ho mai fatti. Col nuovo materiale e vicino ai miei terreni di allenamento, ho un piccolo momento dove mi sembra che tutto stia volgendo finalmente per il meglio. Helmut ci accompagna per un tratto lungo il Liesing e molti amici dei Freunde des Laufsports ci incitano sulla strada.
Invece nella Lobau, passata la metà della gara, vecchi dolori lasciano spazio a quelli nuovi con le gambe che non mi lasciano scampo costringendomi ad alternare la corsa alla camminata. Michele, però, non va molto meglio e così rimaniamo insieme, visto che entrambi andiamo a sprazzi. Forse è proprio in questi frangenti che l'esperienza gioca un po' a favore e senza perdere la testa, andiamo avanti aspettando momenti migliori.
Dopo tre edizioni, con molti test sul percorso in MTB senza segnali, la navigazione risulta invece ottima e rimane uno dei miei grandi vantaggi.  Anche in condizioni menomate di tanto in tanto si aggiunge la compagnia di qualcuno che vuole andare sul sicuro senza conoscere la strada.
Appena ne ho l'occasione, provo ad usare il ritmo che avevo lo scorso anno, ma sono fuochi di paglia. Arriva l'ultima discesa dal Bisamberg che mi distrugge gli ultimi pezzi funzionanti di muscolatura, ma ormai il traguardo non scappa più. Dopo 16h:39':39" tagliamo il traguardo nella palestra che ci ha ospitati nella notte precedente, e lo sforzo pagato si sfoga in grandi emozioni.
Prima di affrontare il check-up medico finale, ho bisogno di una lunga pausa da passare disteso in quanto non riesco a stare in piedi.
La classifica finale si trova qui.

Corsa sul Nase per la foto



domenica, ottobre 09, 2016

Verso Wien Rund Umadum: la corsa sul Kahlenberg

I miei piedi hanno visto tempi migliori 
Nell'attesa della mia ultima ultra stagionale a fine mese, il Wien Rundumadum ovvero il giro attorno a Vienna, come lo scorso anno mi sono iscritto alla corsa sul Kahlenberg, la montagna più famosa di Vienna.
Sono alla mia terza partecipazione, dopo il 2013 e il 2015. Quest'anno il terreno era in perfette condizioni, ma le mie gambe, o meglio i piedi, non ancora completamente ristabiliti dalle fatiche dell'Adamello, non erano all'altezza degli anni passati. Così anche questa volta ho avuto un peggioramento cronometrico di una cinquantina di secondi, terminando gli 8,3 km con 490 D+ in 36':52", per la 35-ma piazza. La classifica finale si trova qui.
A pochi metri dal traguardo

sabato, ottobre 01, 2016

Adamello Ultra Trail 180, la mia gara


Cima Rovaia
Il racconto
Anche quest'anno, complice un fine settimana libero a disposizione, decido all'ultimo momento di prendere il via all'Adamello Ultra Trail 180, il percorso lungo. Rispetto all'Iron Trail, il team viennese è dimezzato e per la logistica decido di affidarmi al treno e macchina a noleggio per arrivare in tranquillità a Vezza D'Oglio. Alla partenza ritrovo volti già incontrati a Davos, come il team Tractalis che si occupa del live tracking e Jimmy Pellegrini, col quale scambio qualche battuta sui materiali in gara aspettando il via lanciato dal grande Silvano Gadin.
Partenza. Via puntuale alle nove in punto, con i bambini e ragazzi delle scuole tutti in fila a salutarci. Il meteo è bello, anche se c'è una certa umidità che spesso oscura il sole, rendendo la salita sulla Cima Rovaia molto confortevole. Non c'è la neve dello scorso anno, ma nel compenso vengo attaccato da un nuvolo di vespe da terra molto inferocite, una delle quali mi entra perfino nelle scarpe. Sulla Cima Rovaia, che lo scorso anno era stata tagliata, le nuvole rimangono sotto e il paesaggio è stupendo. In questi tratti iniziali il mio ritmo è tranquillo ed ho tutto il tempo per scambiare qualche impressione con l'olandese Willemijn, di sicuro un'atleta non di casa da queste parti, ma questo non le impedirà lo stesso di vincere la classifica femminile con un ottimo finale. Per quanto mi riguarda, la mia tattica di gara è abbastanza semplice, vale a dire andare tranquillo cercando di accorciare il più possibile il tempo passato ai ristori e rinunciare a dormire. Dopo il passaggio sull'anello delle bocchette, esprimo tutte le mie difficoltà nel cercare di mantenere la mia tattica al secondo ristoro, dove la parte più difficile risulta, vista la gentilezza dei volontari, quella di ripartire. Al primo cancello orario Bar de Pes arrivo intorno alle 17, con ottimo slancio. Qui mi ritrovo davanti ad un pezzo nuovo, la salita alla baita delle Graole con un sentiero tutto nuovo ed in perfette condizioni. Così, quest'anno, arrivo a Case di Viso da sopra, anziché da sotto. Questo paese è veramente pittoresco e dopo una breve sosta mi ritrovo a salire verso il rifugio Bozzi. È arrivato il momento di accendere la lampada e di fare conoscenza con un nuovo compagno di viaggio che è arrivato assieme al buio: la nebbia. La discesa verso la malga Cadì al passo del Tonale inizia con l'aggiunta di una fastidiosa pioggia. La nebbia a banchi è a tratti molto intensa e trovare le bandierine non sempre risulta così semplice, ma almeno non mi trovo su tratti esposti, ma sulla larga  pista da sci. Alla malga Cadì ritrovo il clima festoso dello scorso anno, così dopo un altro minestrone ed aver indossato di nuovo la giacca in gorotex, mi avvio verso la città morta, altra salita inedita. Sarà la salita lunghissima, saranno i tratti esposti, sarà la nebbia, ma questa ripida salita con altrettanta discesa mi lasciano il segno, marcando un grande divario tra i percorsi incontrati durante il giorno, che mi avevano illuso di come fosse tutto così semplice, e questi notturni. Al secondo passaggio al passo del Tonale, mi tocca indossare anche i pantaloni in gorotex in quanto ora piove a dirotto e i guanti bagnati mi congelano le mani.
Grazie al live tracking, quest'anno il ristoro di Vescasa è impossibile da saltare. Infatti le signore che hanno allestito un prelibato ristoro nel loro soggiorno, appena notano sul portatile che sta arrivando un corridore, escono per bloccarlo e guidarlo nella loro casa. Così dopo l'ennesima minestra, saluto e mi avvio verso la discesa.
Metà gara. Dopo una ripida discesa raggiungo Ponte di Legno, metà gara, verso le 6 del mattino. Qui decido di cambiare vestiti e scarpe, ma non di riposare, lasciando la base vita dopo pochi minuti.  Nella salita successiva, che sembra infinita, verso Bocchetta di Casola,  mi coglie una crisi di sonno in pieno giorno. Prima di arrivare all'agognato ristoro, devo passare diverse ore senza mangiare. Raggiungo poi Potagna più sotto e comincio ad incontrare i corridori della gara "corta", vale a dire l'ottanta. Al ristoro ho una fame da lupi e mi concedo una bella accoppiata pasta e birra. Il risultato è tutt'altro che buono e alla ripartenza ho una forte nausea con dolori allo stomaco. Anche il fatto di essere superato continuamente dai freschi corridori della gara corta non giova alla mia condizione, ma comunque riesco in qualche modo a raggiungere il rifugio Pornina, dove mi affido alle loro cure. Come lo scorso anno, questo non è il posto per ritirarsi e allora proseguo col mio ritmo lento verso il rifugio cascata, con lo stomaco di nuovo in ordine ma gambe svuotate. Anche qui c'è un nuovo tratto, la salita al Sant' Anna ha lasciato spazio alla salita verso il bivacco Festa sul passo Gallinera. Il paesaggio che mi trovo di fronte dopo il rifugio Aviolo è a dir poco incantevole, e qui mi concedo un bel bagno nell'acqua fredda del torrente per rassodare un po' i quadricipiti prima della salita finale del Gallinera. Dal bivacco al rifugio malga Stail c'è di mezzo una bella discesa tosta, che effettuo con la lampada di nuovo accesa. Alla malga l'addetto al controllo mi assicura che il peggio è passato, ma il mio umore non cambia, anche perché la picchiata verso Edolo è, come lo scorso anno, spacca quadricipiti e mi costa due ore secche.
A Edolo riesco a vivere gli ultimi minuti del sabato. Vorrei dormire un po', ma una volta notato che le brande sono fuori in piazza, riprendo subito il cammino verso la malga Mola. Ricordo lo scorso anno la grande fatica nell'affrontare questa ripida salita, ma questa volta non mi sembra così dura, nel compenso ho una sonno micidiale. Finalmente arrivo alla malga Mola e qui mi metto subito in branda, vorrei riposare un'ora, ma siccome dopo trenta minuti sono già sveglio, riparto col mio solito tran tran.
Tratto finale. In questi tratti penso allo scorso anno, al tratto dal lago del Mortirolo fino al traguardo, che sono riuscito a fare a tutta, ma visto lo stato delle mie gambe ora, quest'anno mi sembra proprio impossibile. Poi mi supera di slancio il numero 74 e qui accade qualcosa di strano. Mi viene voglia di provare a seguirlo e sorprendentemente i dolori che avevo camminando spariscono correndo. Da qui comincio a pregustare la discesa finale verso il traguardo, che effettivamente riesco a correre a tutta, dal lago del Mortirolo fino a Vezza, dove le prime luci del mattino mi danno una carica formidabile. Taglio il traguardo di Vezza con un grande sorriso dopo 47 ore e 16 minuti di gara, 29-emo, uno dei pochi che ha fatto meglio dello scorso anno, con un percorso decisamente più duro. Infatti, poco più della metà dei partenti è riuscita a terminare la gara. La classifica finale si trova qui. Il pranzo offerto al ristorante e la premiazione di tutti i finisher in piazza completano una giornata difficile da dimenticare.
Conclusioni. L'Adamello ultra trail 180 di quest'anno è stato sicuramente molto duro. Maltempo notturno ed un tracciato che diventa sempre più impegnativo con il passare delle ore, hanno fatto selezione. Per contro, la disponibilità degli organizzatori e dei volontari, nonché la bellezza dei posti, ne fanno una gara alla quale farò veramente fatica a rinunciarvi.

Ottimo torrente per una rifrescata prima del passo Gallinera
Case di Viso

Interno ristoro Case di Viso


martedì, settembre 20, 2016

Adamello AUT180, tutto pronto per Vezza D'Oglio

Fine settimana in cui tornerò a Vezza D'Oglio per la terza edizione dell'Adamello Ultra Trail con partenza venerdì 23 settembre alle ore 9. Il live della gara si troverà su http://www.adamelloultratrail.it/, con il mio arrivo previsto, se tutto andrà bene, alla domenica entro l'ora di pranzo, dopo 180km e 11500 di dislivello positivi di gara non-stop.

lunedì, settembre 12, 2016

Errori al T201

Aspettando di partire per Vezza D'Oglio, dove parteciperò all'Adamello Ultra Trail 180, vorrei elencare una serie di errori che ho fatto durante l'Iron Trail T201.

  1. Effetto quota. La pagina web del T201 consiglia un periodo di ambientamento di almeno cinque giorni. Visto che lo sponsor della gara era anche un hotel, ho pensato ad una trovata per incrementare i pernottamenti. Anche il libro di Hal Koerner, Field Guide To Ultrarunning a pagina 118 consiglia di arrivare solo un giorno prima piuttosto che tre o cinque. Risultato: fiatone, mal di testa fino a domenica, poi il mio corpo si è adattato e i sintomi sono spariti. Non avevo la possibilità di arrivare cinque giorni prima a Davos, ma almeno ora so che questo mi crea dei problemi almeno per quattro giorni.
  2. Scarpe. Ho corso con le scarpe Tecnica Inferno 3. Le stesse scarpe della Mozart 100 e l'Abbots Way. Il problema è che alla partenza avevano già un piccolo foro sulla tomaia. Al sabato in gara, però, dopo un venerdì piovoso, erano già voragini e le scarpe erano da buttare. Ma peggio ancora è stato per i piedi. In una gara come la T201, la tomaia deve essere perfetta, specialmente se piove. E magari un cambio di scarpe di scorta nella sacca vestiti non sarebbe stato male.
  3. Sacca vestiti. Non c'è di peggio che aprire la sacca vestiti al ristoro e trovare una canottiera inutile al posto di una maglietta. Un controllo extra di una sacca preparata da giorni non avrebbe guastato.
  4. Maglia a maniche lunghe 'effetto cool'. Ho una maglia a maniche lunghe con effetto cool, il quale proviene dalla velocità di corsa. Buono quando corro in strada, inesistente quando mi trascino in salita sotto il sole di mezzogiorno. Anzi, scalda. Al T201 in quota, dove il vento era molto forte, l'effetto cool era talmente forte che ho dovuto indossare un'altra giacca. I manicotti, invece, li ho abbassati in salita e tirati su, col vento in cima in un attimo, senza andare a tirare dentro e fuori la giacca dallo zaino.  
  5. Guanti. Sono partito con i guanti da ciclista e non ho avuto problemi fino a mezzogiorno, quando la temperatura si è abbassata di colpo. I bastoni in carbonio sono diventati dei ghiaccioli e le dita scoperte hanno cominciato a congelarsi. In teoria bastava fermarsi, togliere lo zaino e cambiare i guanti, magari riponendo i bastoni. Operazione che mi è sembrata impossibile sotto l'acqua, vento e zaino sotto la giacca impermeabile senza nessun riparo in vista. I guanti, invece, dovevano essere in un posto facilmente raggiungibile.  
Una lista sicuramente da non ripetere.

domenica, settembre 04, 2016

Corsa sulla Rax e Adamello

Passaggio spettacolare al Torl
Sabato ho scorso sono tornato sulla montagna Rax per l'annuale corsa, quest'anno con l'opzione di scegliere diversi percorsi. Ho scelto la novità del tragitto denominato Extreme da 15km e 1400D+, anche per provare del materiale nuovo in gara. La corsa non è andata secondo le mie aspettative e mi sono trovato inchiodato anche in tratti dove la corsa in salita era più che fattibile. Col tempo di 2h:20' mi sono garantito l'11-ema posizione di categoria, in passato ho fatto decisamente meglio. La classifica finale si trova qui.

La gara sulla Rax è stato l'ultimo test che mi ha dato il via libera definitivo per iscrivermi, per la seconda volta consecutiva, all'Adamello Ultra Trail 180 con partenza e arrivo a Vezza D'Oglio il prossimo 23 settembre.

mercoledì, agosto 17, 2016

Finisher Iron Trail T201

Ultimi 5km
Hier auf Deutsch

Portata a termine anche questa fatica da 200km e 11500 metri di dislivello positivi. Con un tempo finale di 56h:55':29" ho conquistato il 38-emo posto della categoria uomini su 155 partenti.

Prologo
Giovedì 4 agosto parto da Vienna col treno assieme a Michele alla volta di Davos, Svizzera, dove venerdì 5 agosto partiremo alle quattro del mattino per la gara non-stop lungo le Alpi Engadine denominata Iron Trail 201. La giornata è splendida ma una volta arrivato a Davos sento già i primi sintomi di malessere. Al ritiro pettorale c'è così tanta fila, che approfittiamo per una visita allo Schatzalp, il complesso alberghiero che ha ispirato il romanzo di Thomas Mann "La montagna incantata" e l'ultimo film di Paolo Sorrentino "Youth". Se un centinaio d'anni fa la borghesia veniva in questi luoghi da ogni dove per stare immobile sdraiata sul balcone, ora ci viene solo per non stare ferma.
Una volta ritirato il pettorale, sacche, tracker-gps per il live della gara e salutato Jimmy Pellegrini, serio candidato alla vittoria finale, dopo una cena frugale ci mettiamo a letto con la sveglia puntata sull'orario indecente delle due di notte.

La partenza
Venerdì mattina prima della partenza il meteo è stato di parola e piove a dirotto. Non fa freddo, ma ci vogliono pantaloni e giacca in gorotex. Un tizio si presenta in pantaloni corti e maglietta, ma non ha la faccia di andare molto lontano. Il via alle quattro in punto dopo un canto propiziatorio. Una partenza che non ho mai visto, con i corridori che invece di stare sulla linea di partenza, che rimane deserta, stanno al riparo sotto qualche tettoia. Anche la prima classificata Andrea Huser, già in questo frangente regala ben ventisette secondi sul suo tempo finale, prima di decidersi a partire. Mi aspettavo un breefing pregara con le solite romanzine dell'organizzazione, con eventuali tagli o variazioni a causa del meteo, invece nulla. Ma si, meglio il silenzio. Gli iscritti erano più di duecento, ma il maltempo ha fatto le sue vittime già prima di partire e una quarantina hanno preferito lasciar passare il piovoso venerdì, presentandosi solo al sabato al via della T121. Alla partenza di questa T201 siamo così in 155, inclusi qualche gruppo proveniente dalla Corea, Giappone e Cina.

195km all'arrivo
I primi chilometri li corro in sofferenza ed anche se le pendenze sono basse su strade molto facili, ho già un bel fiatone. Il primo cartello che incontro porta il numero 195, che rappresenta i chilometri che ho ancora da percorrere. Sono tre cifre, allora mi concentro più su quelli percorsi, sei chilometri direi facili.

A Bergün
Dopo quattordici chilometri e la prima uscita a duemila metri incontro fotografo e il primo ristoro. È ancora un po' buio, ma la pioggia è calata sensibilmente. Dopo un breve ristoro, con Michele ci avviamo al primo passo di giornata, il passo Scaletta a quota 2606. Doveva esserci la neve, invece ci sono solo nuvole, la via è abbastanza semplice mentre la vista è un po' limitata dalla foschia. È un ambiente fatto solo di prati, laghetti e sassi al quale non sono abituato.  Dopo un lungo traverso arrivo al secondo ristoro in quota, non ho molto caldo, ma un bel brodo mi rimette in sesto per la lunga discesa verso Bergün. In questi tratti vedo gli addetti della protezione civile che presidiano punti dove l'acqua potrebbe causare delle frane. A Bergün abbiamo messo 38km alle spalle e il morale è ottimo.

Verso Samedan
Dai 1366 metri di Bergün riprendo piano piano a salire. Sotto la ferrovia, in mezzo a splendide cascate, ma la pioggia non molla mai un secondo. Nel gazebo di Naz ci aspetta la prima pasta di giornata. Una volta saliti fino a lasciare la vegetazione ad alto fusto, avviene, come da previsioni meteo, un forte calo della temperatura. Il vento è forte e i miei bastoni in carbonio diventano così freddi che coi guanti da ciclista a dita scoperte non riesco più a tenerli in mano. Non voglio fermarmi a cambiare i guanti, in quanto devo fermarmi, togliermi la giacca, zaino e cercarli, così faccio prima ad infilare i bastoni sotto la giacca.
Per non prendere troppo freddo vado su a razzo con qualche bel guado, correre nel torrente è sempre una gioia. Finalmente arriva la discesa, una piccola serpentina incastonata nella parete verticale esposta al forte vento, con neve e pioggia ghiacciata. Una volta sceso al ristoro di Spinas a 1819 metri, ho tempo per un brodo caldo e finalmente il cambio di guanti. Prima di raggiungere la base vita di Samedan, col primo cambio dei vestiti, c'è ancora da scalare il passo di Margunin a 2426 metri. Una salita che mi mette in grosse difficoltà con la quota che mi mette addosso un gran fiatone. La discesa verso Samedan è così fangosa che mi ricorda quella del Trail del Salame e così, senza mai cadere veramente, riesco a recuperare il terreno perso in salita. A Samedan non sono ancora le 18 e, oltre al cambio vestiti per la notte, m'informo sull'andamento della gara. Jimmy è già a Maloja, in testa, quaranta chilometri più avanti.

Pontresina
All'uscita del punto vita, non ho delle buone sensazioni. Sono vestito troppo coperto e in salita arranco. Quindi via la giacca, via le braghe lunghe e salgo meglio. Poi con la quota il vento aumenta e via che devo rimettere la giacca e poi le braghe. Approccio la salita al Segantini che non è ancora buio, nel compenso nei pressi dei 2731 metri del passo comincia a nevicare forte, con le raffiche di vento che la rendono quasi orizzontale. Qui, nei pressi di un rifugio chiuso dall'aria fantasmatica, indosso guanti in gorotex e lampada. All'inizio della bella discesa saluto un simpatico camminatore che va in  senso inverso al mio, trovando anche il tempo per darmi qualche consiglio sulla discesa verso Pontresina. In discesa il meteo migliora decisamente, riesco a riagganciare Michele così da entrare assieme nel bel ristoro. Qui decido di provare un piccolo sonno da 20 minuti, in quanto ho l'impressione che nel prossimo punto dove potrò dormire sarà di nuovo giorno. Sopratutto c'è in mezzo il Fuorcla Surlej a 2755 metri, il punto più alto della gara, da passare in piena notte fredda.

Dove sei Maloja
L'avvicinamento alla salita è lungo una forestale in leggera salita, sarebbe da correre, ma non ci riesco. Quando comincia la salita vera e propria, ritrovo i soliti problemi di respirazione. In ogni modo riesco a tenere un ritmo costante e una buona navigazione. Al contrario di altri corridori, non ho nessun appunto da fare sulla tracciatura del percorso di ben 200 chilometri, dove non ricordo di aver mai sbagliato strada e solo in  un tratto ho acceso il gps per sicurezza. Al ristoro di Station Murtèl vedo delle facce molto tirate. Al giro di boa di Maloja manca solo una lunga discesa e un tratto pianeggiante, almeno è quello che indica il profilo della mappa. Invece la discesa è tutt'altro che bella, piena di sassi, a volte stretta, a volte in salita e piena d'insidie, sopratutto a livello di navigazione. Una volta raggiunto il lago, che è da percorrere in tutta la sua lunghezza prima di arrivare a Maloja, il morale è sotto i tacchi, anche perché si è fatto giorno. In ogni modo, da qui in avanti, i cartelli dei chilometri mancanti saranno a due cifre anziché tre. A Maloja, dopo aver trovato due materassini liberi, ci concediamo un'ora di sonno nella palestra.

Secondo giorno
Al risveglio il mio umore è nerissimo, però dopo la colazione riesco a riprendere la via con Michele, che al contrario sembra rinvigorito dalla pausa. L'organizzatore prevedeva che si poteva abbandonare la gara a Maloja, o più avanti a Savognin, venendo lo stesso classificati in una speciale graduatoria ed ottenere punti UMTB. Nel risultato finale, però, vedo solo dei DNF e nessuna classifica speciale.
In ogni modo, per quanto mi riguarda, l'abbandono a Maloja non lo considero in quanto non mi fa male nulla, poi, nella giornata di sabato non saprei dove andare e per i punti sono già a posto con quelli che danno coi panini del Subway. Quindi avanti sulla salita dell'ennesimo passo a quasi duemila e sette, il passo Lunghin a 2645. Il cielo è ora blu, il sole è splendido e la temperatura è fresca. In questo frangente Michele decide di cambiare ritmo in salita, ne ha abbastanza del mio ritmo da malato di tubercolosi e parte di gran lena per la seconda metà del percorso.
Raggiungo in solitaria il passo senza grossi problemi, però l'altra parte del passo è decisamente diversa. È una parte immersa nella neve e nella nebbia. Mi tocca rivestirmi e stare molto attento a non scivolare, però almeno la via da seguire è, lungo i calpestii, molto semplice. La discesa verso il ristoro di Bivio è facile e corribile e all'ingresso del ristoro saluto per l'ultima volta Michele, che riparte mentre entro. Lo rivedrò solo al traguardo già fresco di doccia e medagliato.

Fango e scarpe rotte
Al ristoro di Bivio me la prendo comoda e seguo la testa della corsa sul maxi-schermo assieme al gruppo dei gestori del ristoro. Jimmy si è appena fatto superare negli ultimi chilometri finali dalla prima delle donne, la svizzera Andrea Huser e, contrariamente da quanto mi aspettavo, Jimmy non riesce a recuperare in discesa. Durante il massaggio post gara, Jimmy mi rivelerà che è stato un dolore tibiale a rallentarlo in discesa, mentre andava molto forte in salita.
La mia gara, invece,  riprende con nuovi problemi. Le scarpe che alla partenza presentavano un piccolo foro nella tomaia, ora hanno una voragine lasciando entrare di tutto e di più. Anche nella maglietta ho fatto un errore di scelta. La maglia lunga effetto cool, col mio ritmo lento in salita scalda troppo, mentre in cima le raffiche di vento hanno effetto congelante e mi tocca indossare la giacca anche se c'è il sole. Anche se il tempo è ormai bello, il terreno dopo la pioggia di ieri è fangoso e pieno d'acqua e spesso mi ritrovo a lavare scarpe e piedi sollecitandone troppo la pelle. Dietro di me le cose non sembrano girare al meglio e l'elicottero deve compiere un'evacuazione in alta montagna. Mi mancano 85 chilometri al traguardo e una famiglia in passeggiata, con tanto di bambini, mi stacca in salita verso Alp flix. In questo paese, una famiglia seguendo il live al computer mi aspetta davanti a casa nella discesa verso Savognin. Padre e figlio scendono in strada e mi accompagnano per qualche minuto incitandomi a non mollare fino a Davos. Molto emozionante e prometto loro di arrivare fino in fondo.

Da Savognin a Lantsch
Raggiungo Savognin di gran ritmo dopo aver iniziato a superare qualche concorrente. Doccia, cambio vestiti, merenda e pulizia scarpe mi costano molto tempo, ma una volta lasciato Savognin devo tirare dritto fino a Davos. Mi informo sui cancelli orari che mi rimangono, Lantsch è alle 3 di notte, Arosa alle 13:15, Davos alle 20. Lascio Savognin intorno alle 19. Qui il percorso è completamente differente da quello che ho incontrato fino ad ora, quote intorno ai mille metri e strade molto ben tenute e scorrevoli. Però i miei piedi mi fanno sempre più male e faccio fatica a correre. Qui incontro di nuovo il camminatore che avevo incrociato ieri, stessa ora, nella discesa verso Pontresina. Ci scambiano qualche impressione e mi rivela che quest'anno non poteva essere in gara, ma ha voluto lo stesso salutare i concorrenti prima della notte.
Arrivato a Lantsch chiedo l'intervento del medico per vedere se riesce a rimettermi i piedi in sesto. Piedi che sono rimasti in umido troppo a lungo e si sono screpolati. Il dottore mi attacca dei pad di gomma che danno sollievo. Dopodiché mi metto a letto e mi lascio svegliare dopo 45 minuti. Il risveglio è surreale e mi ci vuole un po' a capire dove mi trovo e cosa stia facendo. Dopo un buon ristoro lascio Lantsch all'una di notte.

Il secondo giorno volge al termine
Il dottore mi ha consigliato di camminare con calma, invece, grazie ai suoi pad, vado alla grande ed ho ripreso a correre anche nei tratti di leggera salita. A Lenzerheide il percorso si fa decisamente difficile e dopo un lungo traverso raggiungo il ristoro di Scharmoin. Ma dov'è il ristoro? Semplice, per l'acqua ci sono le fontane, cibo non è previsto e un distributore di bibite regala bevande a chi riesce a trovarlo. Un corridore della T91 che si sta ritirando mi spiega la situazione. Così, sempre in solitaria, riparto verso il prossimo ristoro a 2511 metri lungo una ripida pista da sci. Ancora una volta la quota mi mette alle corde, ma la vista del passo all'alba è grandiosa. Al ristoro prendo tutto il tempo necessario per continuare senza dover più usare la lampada. Inizia il terzo giorno di gara.

Verso Arosa
Prima di arrivare ad Arosa, devo salire sul Weisshorn, tanto per cambiare a 2653 metri. Però il nuovo giorno ha portato delle novità, infatti in salita non ho più il fiatone. Finalmente dopo quattro giorni di pena, il mio fisico sembra si sia adattato alla quota. In salita il passo è ora ottimo e anzi mi dico di stare calmo e non strafare in quanto la gara è ancora molto lunga. In cima, a quest'ora, la vista è a dir poco grandiosa. La picchiata verso Arosa è fantastica e dopo una sosta di qualche minuto, riparto per Davos che non sono ancora le nove e i cancelli orari sono solo un lontano ricordo.

Verso il traguardo di Davos
Da Arosa a Davos mancano solo 18km, meno di una mezza maratona e se uno vuol fare un bell'errore, magari può pensare che in due ore una distanza simile la si fa tranquillamente.
Invece è un continuo saliscendi sui duemila metri e prima di arrivare ai 1568 metri di Davos, bisogna passare sul passo Strela a 2347 metri, con in mezzo un paio di passi intorno ai 2000 metri. In questi chilometri finali trovo ottime sensazioni, supero numerosi corridori che gareggiano in distanze inferiori, in salita non mollo e in discesa vado senza badare a perdite. Infatti non sono molti che hanno segnato un tempo inferiore alle 4h:14' nel tratto Arosa-Davos. Il passaggio al ristorante dello Schatzalp, a tre chilometri dal traguardo, è spettacolare, dove tutti gli avventori applaudono festanti. È una discesa splendida e quando arriva il momento di tagliare il traguardo è una grande emozione.

Per concludere
"Was für ein Lauf", è questo il primo commento che dico all'organizzatore al traguardo. Lui ride e mi risponde in italiano: "Tutti matti".
Duecento chilometri, 11500 metri di dislivello positivi, quasi 57 ore di gara non-stop, sono numeri che non mi lasciano per nulla indifferente. Anche se i piedi non mi entrano più nelle scarpe e solo ora mi fanno un male micidiale, è un orgoglio far parte di quei 64 finisher su 155 che hanno avuto la voglia di provarci. Nonostante l'acqua, il vento, la neve, l'effetto quota, il sole cocente, le scarpe distrutte e abbigliamento a volte sbagliato, tagliare il traguardo in questo modo è un'esperienza indimenticabile.

La classifica finale si trova qui.

Primo ristoro venerdì notte
Piove in riva al laghetto

Samedan, primo giorno pomeriggio
Discesa finale
Schatzalp e Davos sullo sfondo
Al traguardo di Davos, domenica

mercoledì, luglio 27, 2016

Iron Trail 201, la prossima tappa

irontrail.ch
La settimana prossima arriverà il momento di partire verso Davos, in Svizzera, dove sono iscritto al trail T201.
Dopo un giugno pieno di gare, ho scelto di dedicare il mese di luglio al recupero rinunciando alle competizioni e rispolverando La montagna incantata ( Der Zauberberg) di Thomas Mann, romanzo ambientato a Davos.

Interessante il confronto con i chilometri di gara che ho percorso in giugno, circa 200 suddivisi in quattro settimane.
Il prossimo 5 agosto, invece, saranno 200 in un colpo solo con il doppio dei metri di dislivello.
Il live della gara su my race result e sul sito irontrail.ch.

martedì, luglio 12, 2016

Maratona delle notti bianche San Pietroburgo

Edi, Kauko e Igor al traguardo
Alla quarta settimana di gare consecutive, mi sono concesso la partecipazione alla maratona delle notti bianche nella città di San Pietroburgo in Russia. L'occasione è stata quella di festeggiare il cinquantesimo compleanno del mio amico Edi con una maratona un po' fuori mano.
Con un tempo di 5h:51':04" abbiamo terminato brillantemente anche questa maratona contrassegnata da un gran caldo.

Qualche nota sulla logistica della gara

Ho organizzato la maratona per conto mio, senza appoggiarmi a nessuna agenzia, anche se mi sono aggregato al gruppo del mio amico Edi. La parte più complicata è stato il visto. Un visto che ho ottenuto direttamente all'ambasciata russa di Vienna. Per il visto russo a Vienna da italiano, occorre un Meldezettel non più vecchio di sei mesi. Senza Meldezettel, l'ambasciata di riferimento è quella di Roma, non quella russa a Vienna. Per prima cosa ho prenotato l'albergo (hotel Moscowa) con booking.com, così ho ottenuto l'invito per il soggiorno, invito che ho pagato 700 rubli extra.
Poi, siccome non ho altre assicurazioni sul viaggio tipo quelle che offrono le carte di credito, ho stipulato un'assicurazione extra da 10 euro per quattro giorni con la compagnia Uniqa. La sanità austriaca non era sufficiente. Con questi documenti ho compilato la domanda del visto online, rispondendo a tutte le domande e poi stampato il risultato. Poi vi ho incollato sopra una mia foto recente valida per il passaporto. Ho anche compilato un foglio in word (russo-inglese) trovato online con sopra le estremità della mia assicurazione del viaggio. Poi ho prenotato online la visita al consolato russo di Vienna, dove poi mi sono recato con tutti gli incartamenti (meldezettel, richiesta visto con foto, invito hotel, foglio assicurazione, copia contratto assicurazione e passaporto). Il primo appuntamento disponibile in aprile era dopo sette giorni, ma a fine maggio era diventato di tre mesi.
Al consolato hanno controllato che avessi l'appuntamento, poi dopo aver pagato 35 euro con il bancomat (contanti non vengono accettati) e consegnato la documentazione sono tornato a casa senza passaporto. Dopo sette giorni sono ritornato al consolato per ritirare il mio passaporto con il visto.
Alla maratona mi sono iscritto dal sito ed è costata 20 euro e non era necessario presentare un certificato medico.
Dall'aeroporto di San Pietroburgo all'hotel ho preso un taxi con il mio amico Edi, che era già prenotato per lui, un servizio che offrono i pacchetti delle agenzie. Però è possibile senza grandi problemi prendere il bus fino alla stazione della metro e da lì arrivare fino all'hotel Moscowa passando dalla linea 2 alla 4. Le stazioni sono scritte in cirillico ma anche in inglese e non è difficile salire sul treno giusto. Per il biglietto metro singolo, lo si compra dallo sportello della stazione (gettone). Nelle macchinette si compra la scheda (60 rubli) vuota che poi va ricaricata sempre nella stessa macchinetta (5 corse 170 rubli). Il menu della macchinetta era anche in inglese e quindi utilizzabile, per chi come me, non conosce il russo. Al ritorno sono andato all'aeroporto con la metro e bus. Il biglietto del bus l'ho fatto direttamente sull'automezzo, come tutti gli altri passeggeri.
Al ritiro pettorale e alla partenza sono andato in metropolitana e non ho trovato difficoltà. Al ritiro pettorale, nell'Expo maratona, ho anche usufruito di un massaggio di un'ora a 800 rubli.
In gara, ai rifornimenti abbiamo trovato acqua in bottiglie da mezzo litro, qualche banana e pane nero. La medaglia è bella e dopo l'arrivo abbiamo ricevuto, oltre all'acqua, del tofu. Per 20 euro di iscrizione oltre alla maglietta, non ci si può aspettare grandi rinfreschi, ma tutto il blocco del traffico della città sono valsi molto di più del prezzo dell'iscrizione. Il chip del tempo era legato al pettorale, in alcuni tratti mi sono messo la maglia sopra la testa perché mi grattava troppo, ma poi dopo una settimana mi sono trovato squalificato nella classifica ufficiale. Probabilmente il chip non ha segnato il tempo nel passaggio alla mezza o il pettorale non era sempre visibile.
Il percorso della gara è molto scorrevole, passa vicino a molti punti turistici ma il problema quest'anno è stato il gran caldo. In più le splendide notti bianche pregara non garantiscono molto riposo. Per me è una competizione per ammirare la città.

Per chi non è mai stato a S. Peitroburgo, penso che un pacchetto organizzato sia il modo migliore per partecipare alla maratona delle notti bianche. Per quelli come me, invece, che hanno già visitato le classiche attrazioni turistiche della città, magari il viaggio organizzato in proprio offre la possibilità di vedere attrazioni alternative, come una visita sui tetti dei palazzi o il museo di Dostojewski.


Al ristoro


Sulla nevsky prospekt
Al traguardo


martedì, giugno 28, 2016

Veitsch 2016

In azione sul Teufelsteig
Come lo scorso anno sono qui sulla frontiera del monte Veitsch per completare l'abbinata Mozart -Veitsch in una settimana. Questa volta ho delle sensazioni migliori, anche se i problemi che ho avuto a Salisburgo alla gamba sinistra non sono del tutto scomparsi. Con Michele arriviamo in tempo per ritirare il pettorale e scattare una foto prima della partenza. Quest'anno è la trentesima edizione della gara e i partecipanti sono numerosi. Con un sole quasi prepotente partiamo alle nove in punto, il mio obbiettivo di giornata è quello, oltre  terminare la gara di 54km e 2200 metri di dislivello, quello di correre più possibile in salita. Nella prima sezione mi riesce a meraviglia, ma alle prime discese comincia a darmi fastidio qualcosa nella coscia posteriore, è il riaffiorare dei problemi sentiti la settimana scorsa a Salisburgo.
Al primo passaggio di consegna della staffetta mi ritrovo con un ottimo tempo intermedio ma con le gambe usurate. Così cambio strategia e da qui in avanti cerco di prenderla comoda, ma il dolore diventa sempre più insopportabile. Sul plateau del monte Veitsch la crisi diventa preoccupante, mentre la corsa è solo un bel ricordo, anche il passo diventa problematico con numerosi inciampi e la difficoltà di alzare la gamba sinistra. Mi chiedo se valga ancora la pena continuare, se sia arrivato finalmente il momento di accettare il primo DNF della carriera. Con uno degli ultimi tempi intermedi di sezione, arrivo al secondo passaggio di consegne della staffetta, il posto adatto per staccare il pettorale dalla maglia.Qui sorprendentemente ritrovo la compagnia di Michele, dove anche il suo trail di Zugspitz  della settimana scorsa non sembra così ben digerito.
Nel terzo e ultimo tratto il tipo di terreno cambia e così provo a continuare. In effetti la discesa nel bosco su terreno morbido non è dolorosa e  ritrovo fiducia. Che però i problemi non siano svaniti nel nulla, me ne rendo conto quando mi trovo sul piano delle forestali, ma ormai non vedo più nessun ostacolo per raggiungere il traguardo. Traguardo che taglio in solitaria dopo 6h:48' con grandissima gioia e per la prima volta mi sento di baciare il terreno dell'arrivo.  La classifica finale si trova qui.

In difficoltà
Pronti per partire

domenica, giugno 19, 2016

Mozart 100

Al secondo ristoro
Era da un po' di tempo che aspettavo quest'appuntamento per la mia seconda presenza a Salisburgo per partecipare alla Mozart 100, quest'anno con un tracciato leggermente modificato rispetto allo scorso anno, un po' più lungo e duro. Per l'occasione ho sfoggiato il mio nuovo vestiario, acquistato apposta (attenzione, non rientra nel materiale obbligatorio) per partecipare alla gara nella città di Mozart, una sorta di copia del vestito tradizionale ma di un materiale adatto alla corsa.
Quest'anno il meteo è stato molto differente, con uno splendido sole che nel pomeriggio ha lasciato spazio ad un piccolo temporale, ma niente di paragonabile al diluvio dello scorso anno. Tra le chiacchiere tra i soliti ultras e foto, è arrivata in un attimo l'ora di partire, le cinque del mattino, per i classici due giri nei dintorni delle città, con un totale di 104km e 3000 metri di dislivello positivi.
Quest'anno ho scelto una tattica molto semplice a livello teorico, vale a dire correre su ogni salita e andare tranquillo del mio passo in pianura e discesa. Già dall'inizio mi sono sorpreso della facilità di corsa in salita, mentre sono rimasto un po' perplesso sul mio ritmo sulle strade asfaltate pianeggianti. In ogni modo, la parte nuova del percorso, un misto di sentieri abbastanza impegnativi, mi ha entusiasmato. Forse un po' troppo, perché il quadricipite posteriore sinistro si è malmesso, un infortunio che conoscevo solo nei miei trascorsi calcistici. In ogni modo il primo giro l'ho concluso con un buon ritmo e magari un po' troppo brillante, anche se per due volte ho sbagliato strada per aver interpretato male i segnali (tre frecce nella direzione giusta e una in quella sbagliata, ho visto solo quella; una freccia che indicava dritto, l'ho interpretata come andare su in alto).
Nel secondo e più impegnativo giro, teoricamente si trattava di ripetere lo stesso ritmo, cosa che mi è accaduta fino ad un certo punto. Il sole e muscolatura hanno cominciato a farsi sentire, ma pensare di farsi più di dodici ore di corsa senza problemi è un po' come chiedere la luna. Così, al primo incontro ravvicinato con il lago Fuschl, quasi tutte le salite lasciate alle spalle, non ho resistito alla tentazione ed ho fatto un bel bagno rinfrescante. Esperienza che mi ha rimesso in carreggiata, bissata pochi chilometri dopo al ristoro della cittadina Fuschl am See.
Col secondo passaggio al circuito automobilistico è arrivato un temporale, il quale mi aspettavo più rinfrescante, invece, oltre a rendere l'asfalto viscido, mi ha creato qualche problema respiratorio. All'ultimo ristoro alle porte della città sono arrivato bello cotto, ma carico di speranze in quanto il percorso era ormai abbastanza agevole. Invece, appena uscito dal ristoro, non sono più riuscito a correre, almeno fino a quando i gels presi per disperazione non hanno cominciato a fare effetto. Così, sui ripidi gradini della montagna cittadina a due km dal traguardo,  ho provato ad andare a tutta, compreso un paio di scivolate sulla scalinata della discesa finale. Sforzo che a grandi linee ha avuto la stessa utilità della crema solare per i cani.
Comunque nel centro storico di Salisburgo ho poi avuto il tempo per tornare ad un ritmo ragionevole, salutare personalmente almeno due terzi dei turisti in piazza e tagliare il traguardo prima che iniziasse la seconda partita dell'Europeo di giornata.
12h:34' il tempo che ho impiegato per la 22-ema posizione generale, subito immortalato da una bella foto con tanto di cornice che è stato il regalo, oltre alla medaglia, per tutti i finisher. La classifica finale si trova qui.

Per concludere. Alla fine non ho potuto non ringraziare gli organizzatori della Mozart100 che hanno tolto, seppure per un giorno, il centro storico di una città come Salisburgo ai turisti per consegnarlo nelle mani di corridori ultra, che magari sono abituati ad andare nei posti più improbabili per trovare un po' di tranquillità in mezzo la natura o passare qualche ora girando intorno.


Incitamento personale per attraversare la strada

Punzonatura




giovedì, giugno 09, 2016

Mozart100 pronti al via

Dalla pagina FB Mozart100
Tutto è quasi pronto per la mia seconda partecipazione alla Mozart100, in quei di Salisburgo, il prossimo 18 giugno.

Per scaldare i motori, ho scelto una breve gara di rifinitura a Siegenfeld per il tradizionale Wappenlauf.
Gara che si è allungata rispetto agli anni scorsi e che quest'anno ha presentato l'insidia del terreno bagnato.
Ho provato il nuovo abbigliamento in versione Mozart e con una 27-ema posizione finale in 51':28" posso dire che tutto è ormai pronto per Salisburgo.

Sul Wappenlauf

lunedì, maggio 30, 2016

Trail del salame

Appena partiti

Domenica 29 maggio, approfittando di un allungo di una mia breve visita in Italia,  ho partecipato al Trail del salame, corsa in natura con partenza e arrivo a San Michele Tiorre nell'Appennino parmense. 36km con 1600 metri di dislivello positivi erano i dati salienti del percorso che ho scelto di disputare.

Alle otto e trenta siamo partiti sotto una leggera pioggerella, condizioni meteo che non mi hanno messo in allarme più di tanto. Dopo il passaggio attorno al primo castello, quello di Felino, ho dovuto invece constatare che ho sottovalutato la situazione, occhiali appannati e fango, che in alcuni tratti era davvero insidioso, mi hanno mostrato che avrei dovuto fare scelte diverse sulle scarpe e lenti. Però il bello della pioggia è che ha cancellato di colpo tutti i problemi respiratori che ho avuto nelle gare delle settimane scorse. Così, di ottimo umore, ho cercato un ritmo tranquillo ma costante, specialmente in salita. Il percorso è stato sempre vario, con la particolarità di essere spesso fuori dal bosco così da poter ammirare la bellezza dell'Appennino del quale sono sempre più fan. In alcuni tratti il fango era davvero insidioso e senza l'uso di corde appositamente collocate, non so come avrei fatto a salire.
La discesa su terreni scivolosi non è proprio il mio forte e nemmeno posso usare la scusa delle scarpe (vedi foto sotto), in quanto la seconda delle donne mi ha superato con estrema disinvoltura con le mie stesse calzature su tratti molto scivolosi. Ho provato anche un po' a tenere il suo ritmo, ma alla prima indecisione sono finito subito a terra. Così ho lasciato perdere la discesa e mi sono concentrato sulla corsa in salita, cercando di non usare mai il passo per quanto possibile. Tattica non del tutto strampalata che mi ha regalato un piazzamento nei primi trenta col tempo di 4h:08'. La classifica finale si trova qui.

Per concludere,  la levataccia della domenica mattina e il conseguente rientro a Vienna col treno notturno ne sono valsi la pena, il trail del salame è una gran bella gara con un'ottima organizzazione e uno splendido percorso.

Dormitina prima della partenza


Vista appannata

Scendere a razzo: a sinistra senza volo, a destra meglio dimenticare

A pochi chilometri dal traguardo
Una delle tante discese infangate




mercoledì, maggio 25, 2016

Berndorf Sunset Run per le 100 gare

Alla partenza
Dopo aver controllato la mia personale statistica di tutte le gare fin qui disputate, senza mai lasciare scampo al DNF, mi sono accorto che ormai ero in prossimità della centesima gara.
Così, per fare cento, ho preso la bicicletta e, dopo una bella scampagnata da quaranta chilometri attraverso le ciclabili delle terme, mi sono recato a Berndorf per disputare la mia terza Sunset run da 8.7km. Al via, ho ritrovato e salutato volti conosciuti per poi partire per i tre giri previsti. Il meteo era ottimo, ma non per il mio apparato respiratorio e dopo un buon primo giro, tosse e fitte allo stomaco mi hanno costretto a ridurre l'andatura terminando con grande affanno in 38':36" per la 42-ema posizione finale.
Il confronto con la mia prima apparizione è impietoso, anche se lo scorso anno ho fatto anche di peggio, ma è ormai evidente  che l'allergia alle graminacee mi causa una tosse fastidiosa con effetti negativi sulla prestazione.

La mia prossima gara sarà di nuovo in Italia, sull'Appennino Parmense, per il Trail del Salame, una gara per me inedita.


domenica, maggio 15, 2016

Velorun, debutto in una gara ciclistica

La partenza
Dopo aver concluso la mia seconda ultra annuale a tre cifre, ho deciso di concedermi uno svago in una gara ciclistica, specialità alla quale non avevo mai partecipato prima, se non in combinazione con la corsa.
Lo stimolo decisivo è stata la velorun a Baden, gara in linea di 37.4km con 400 metri D+, che si svolge in gran parte sulle strade che percorro quando di solito faccio un'uscita con la bici da corsa. In questo 2016 ho contato solo una uscita in bici da corsa, ma in quell'occasione ho testato gran parte della gara.
Al via ho cercato di tenere, per quanto possibile, una scia fattibile per le mie gambe e cercare di dare il meglio in salita, la parte centrale dove sono riuscito ad improvvisare meglio. Nella successiva discesa pedalabile, sapevo che sarebbero stati dolori, ma con il gioco delle scie sono riuscito a tenere il contatto con un gruppo che man mano aumentava di numero. Il finale è passato su un tracciato in mezzo a dei vigneti che proprio non conoscevo e con il fatto di voler stare coperto, mi sono trovato davanti improvvisamente l'arrivo, dove ho conseguito una buona 65-ema posizione in 1h:08', rimandando lo sprint finale al 2017. La classifica finale si trova qui.

Per concludere, la gara ciclistica mi è proprio piaciuta, c'è molta tattica e competizione, e su un percorso breve e ondulato, sono riuscito a nascondere molte lacune. Il prossimo anno mi piacerebbe essere di nuovo al via, magari con dei rapporti un po' più consoni ad un ciclista, per tenere il passo in pianura.

Così in scia che non mi si vede (terza posizione)

sabato, aprile 30, 2016

Abbots Way 2016

Partenza
Anche quest'anno non ho rinunciato alla classica "Via degli Abati" con partenza a Bobbio (Piacenza) e arrivo a Pontremoli, ultra trail giunto alla nona edizione che si svolge negli Appennini.
Come l'anno scorso ho scelto il treno per presentarmi alla partenza, quattordici ore di viaggio da Vienna, ma molto rilassanti. Col bus da Piacenza a Bobbio sono arrivato appena in tempo per il ritiro del pettorale e pasta party. Questa volta ho deciso di dormire in palestra, ma ho dimenticato il materassino e dormire è risultato ancora più difficoltoso. Prima di dormire, ho fatto una bella passeggiata lungo le splendide contrade di Bobbio, ho salutato l'organizzatore Elio e poi una visita al cinema  per vedere dopo tanto un film doppiato in italiano.
In palestra c'era un silenzio molto strano, probabilmente pochi sono riusciti a dormire, la gara del giorno successivo è impegnativa e il meteo sembrava orientato verso la pioggia.
Alle tre e cinquanta sono state accese le luci e con calma mi sono preparato per la corsa, 125 km con 5500 metri di dislivello positivo. Lo scorso anno sono andato molto bene fino a Borgotaro, ultimo check point, per poi piantarmi clamorosamente negli ultimi trentadue chilometri.
Il problema principale, come al VCM, è stata l'allergia ai pollini, dove anche a Bobbio erano presenti in massa causando una tosse fastidiosa e abbassamenti di voce.
Il via è stato dato dal sindaco in persona alle sei puntuali. La mia tattica è stata quella di partire molto prudente. In cima alla Sella dei Generali il tempo ha cominciato a piovigginare ed ho accusato una piccola crisi di fame, in quanto la mia colazione è stata troppo scarsa, un errore abbastanza grossolano. Ho rimediato nei generosi ristori successivi. A Farini sono rimasto impressionato dai cambiamenti causati dall'inondazione dello scorso anno, montagna franata, strada e case distrutte. Verso Bardi, ho continuato tranquillo con la stessa tattica iniziale, vale a dire passo tranquillo in salita, relax in discesa e corsa sui tratti in falso piano. Sul Monte Lama, il punto più alto della corsa a 1350metri, arriviamo in quattro e ci siamo concessi un selfie sotto la croce. Poi l'impegnativa discesa verso Bardi con la pioggia è stata insidiosa, ma quest'anno senza cadute.  A Bardi lo spettacolo del castello è stato impressionante e il ristoro non è stato da meno. Qui, visto che non smetteva di piovere, ho deciso di non cambiare nessun indumento. Una volta ripartito, dopo qualche chilometro il sole è uscito scacciando la pioggia, però il terreno è rimasto molto fangoso in salita. Verso Osacca un campanile mi ha indicato che rispetto allo scorso anno ero in ritardo di almeno un'ora, ma siccome non avevo nessun problema muscolare e la pioggia ha scacciato la tosse allergica, ho continuato con ottima fiducia. Al ristoro di Osacca gestito dagli alpini, riesco a farmi convincere a provare un the col gin per ripartire di slancio verso Borgotaro.
Durante la via ho acceso la lampada e una volta conclusa la temuta discesa ho aumentato il ritmo in pianura. Al ristoro sono arrivato verso le ventidue, ma le gambe andavano molto bene e dopo una breve sosta mi sono avviato verso la salita del passo Borgallo. La temperatura era gradevole, non c'era nebbia o vento e non pioveva. In cima mi sono scaldato un po' presso il fuoco acceso dai volontari ed ho affrontato i due chilometri in cresta in tranquillità. Quando è iniziata la discesa lungo un'ampia forestale, ho deciso di forzare il passo cercando di correre sempre fino all'ultimo ristoro di Cervara, situato a 13 km dall'arrivo. Un bel minestrone e sono ripartito motivato verso il traguardo. D'improvviso, in questo frangente, è iniziato a piovere a dirotto. La troppa acqua sugli occhiali senza visiera mi hanno limitato molto la vista. Allora, per non rischiare, ho continuato al passo fino alla parte asfaltata finale per arrivare fino a Pontremoli dove gli ultimi chilometri sembravano non finire mai, con l'arrivo che non mi aspettavo spostato in fondo alla città. Alle ore 4:39 di domenica, con tanto di medaglia al collo, ero un felice finisher di questo mio secondo Abbots Way, quasi due ore meglio dello scorso anno. Poi una meritata doccia e alle sette e quaranta ero già sul treno per il viaggio di ritorno a  Vienna, dove ho avuto la possibilità di scambiare le impressioni con altri corridori che anche loro stavano ritornando a casa.
Tempo impiegato 22h:39', 56-ema posizione finale con la classifica  che si trova qui.

Verso il monte Lama

Osacca

Un po' di Gin con gli alpini a Osacca


domenica, aprile 17, 2016

Prossimi appuntamenti

Il ponte di Bobbio (PC, Italia) - partenza
Archiviata la maratona viennese, qualche giorno di riposo prima riprendere il 23 aprile con l'Abbots Way, primo ultra trail stagionale, gara che ho già affrontato lo scorso anno. Come nella Vienna City Marathon, il problema principale è l'allergia ai pollini.

Poi qualche settimana per recuperare un po' le energie, magari con qualche gara breve (Sunset Run e Schöckel Classic?), per poter poi partecipare alla Mozart100 il 18 giugno. Due settimane dopo, invece, una piccola parentesi stradale a San Pietroburgo per la maratona delle notti bianche il 3 luglio, dove ho già completato l'iter burocratico per potervi partecipare.
 Il 5 agosto, poi, rotta su Davos dove debutterò in Svizzera nell'Iron Trail T201.

mercoledì, aprile 13, 2016

Vienna City Marathon 2016



Lungo la strada
Anche quest'anno ho portato a termine questa splendida maratona che attraversa il cuore della mia città, Vienna. È stata una gara dai diversi risvolti, un po' come quelle prelibate pietanze asiatiche che mescolano il dolce e l'amaro. Dolce perché è stata una manifestazione vissuta a pieno in tutti questi mesi fatti di allenamenti, pochi, e di post su questo blog, tanti. Il week-end della gara è stato notevole, venerdì al ritiro del pettorale con passaggio sul palco degli eventi, sabato il Kaiser-schmarr party nella splendida sala del municipio e infine domenica la gara. Amaro, invece, perché la gara vera e propria non è andata come me l'ero immaginata. Non è stato tanto per il tempo finale, un 3h:32' che è la mia seconda migliore maratona primaverile, ma  come si è evoluta. Una partenza con qualche apprensione, visto un fastidio muscolare alla coscia ereditato dall'ultima uscita pregara, fastidio poi sparito nel nulla dopo la partenza e mai più tornato. Una volta partito e lasciato volar via il mio socio Michele, i primi chilometri sono scorsi senza problemi. Ogni tanto mi raggiungeva il pacer delle 3h:30', ma lo staccavo subito. Dopo la mezza, ho poi provato un piccola progressione che però si è infranta verso il trentesimo chilometro quando i miei polpacci si sono cementati. Ho tenuto un po' fino al passaggio davanti al locale del mio club, il  Schuttel con tanto di fans al km 38, per poi andare in modalità passerella per tutto il Ring fino al traguardo, che quest'anno non era più nella piazza degli eroi, ma davanti al Burg-Theater.
Non sono riuscito bene a capire il perché i polpacci abbiano ceduto in quel modo, ma probabilmente l'aria satura di pollini degli ultimi dieci giorni pregara è stata micidiale. Oppure una preparazione troppo blanda e spesso lontano dall'asfalto, o le scarpe troppo diverse e secche dalle super ammortizzate che sono abituato ad usare negli ultimi mesi.  Chissà.

Fatto sta che sono già iscritto per l'edizione 2017, dove non mancherò di raggiungere i miei obbiettivi.


Attapirato

Arrivo

Con la medaglia