sabato, novembre 19, 2016

Bilancio stagionale 2016

Buone vacanze ai piedi
Anche quest'anno è arrivato il momento del post che tratta il bilancio della mia stagione appena conclusa.
Ancora da record per quanto riguarda i chilometri in gara: 1130 km e 39000 metri di dislivello positivo affrontati con un numero attaccato alla maglia.
Le ultra che ho percorso sono state 7, di cui solo una sotto i cento chilometri confermando il trend quantitativo dello scorso anno.
Devo dire che ho decisamente migliorato le prestazioni nelle gare in ambiente alpino, tra tutte un'ottima prestazione nell'Adamello Ultra Trail.
Già in gennaio ho affrontato la prima ultra just for fun, anche se con qualche problema muscolare.
Ho poi rispolverato il cross ed è stato divertente, tornando addirittura sul podio di categoria in una gara sotto i venti minuti.
Aprile, invece, si è confermato un mese problematico con un clima primaverile per me ostile, dove la maratona di Vienna e l'Abbots Way ne hanno risentito, anche se in quest'ultimo ho fatto molto meglio rispetto al 2015.
A fine maggio è stato il periodo di massima forma, con un ottimo piazzamento al Trail del Salame. Forma che ho cercato di mantenere per qualche settimana fino alla Mozart100, una delle due gare in cui ho cercato di andare sempre al limite, ma con una prestazione non esente da problemi. Problemi muscolari che non si sono risolti nei giorni successivi, e così mi sono ritrovato sul Veitsch a combattere, con successo, contro il mio primo DNF della carriera.
Agosto è stato il mese dell'Iron Trail, una gara che ho svolto con l'handicap della quota, ma che ho affrontato con lo spirito di finirla, trovando anche un ottimo inaspettato finale. Ma 200 chilometri in ambiente alpino, a tratti con maltempo, lasciano il segno.
In settembre sono tornato a gareggiare sulla Rax, gara dove mi aspettavo un tipo di prestazione che proprio non è arrivata. Ma forse è servita per poter affrontare con più umiltà l'Adamello, una gara nella quale ho avuto veramente ottimi momenti, anche se inframezzati da una crisi micidiale di stomaco, dove alla fine sono andato oltre il limite di sopportazione dei miei piedi ottenendo un piazzamento inaspettato.
In questo stato ho voluto lo stesso affrontare la preparazione al Wien Rundumadum sulla falsa riga dello scorso anno, ma il mio piede sinistro non me l'ha consentito. Così non mi è rimasto altro che affrontarla con l'obbiettivo, se possibile, di finirla per la terza volta consecutiva.

E le gare su strada? Tranne la Mozart, che però aveva solo il 40% di asfalto, sono andato decisamente peggio rispetto agli anni passati. Chissà che non sia lo stimolo per tornare a fare meglio in questa tipologia di gare.
 
 

martedì, novembre 01, 2016

Wien Rundumadum terza edizione

Classico arrivo in palestra al sabato sera dopo oltre 16h di gara
Ci sono gare con le quali faccio fatica a capire come mai abbia deciso di presentarmi al via, ma se il DNF (do not finish - ritirato in gara) non fa parte del mio curriculum, dopo una miriade di gare, anche il DNS (do not started - non partito)  mi risulta sempre più indigesto.  Così, con un allenamento in dosi omeopatiche nelle gambe, 3 uscite da 10km e una gara da 8km in 5 settimane, ma sopratutto un dolore al piede che non mi abbandona dal dopo Adamello 180, mi presento al ritiro pettorale di questo Wien Rundumadum edizione 2016, 130Km e 1800 D+ attorno a Vienna. Con Michele affrontiamo la notte in palestra, dove al rientro dalla cena dal ristorante indiano, la ritroviamo già in profondo sonno e quasi rimaniamo chiusi fuori. Prima del via, saluto e scambio qualche impressione sulla stagione appena trascorsa con molti personaggi conosciuti, per poi ritrovarmi all'inizio del breefing che non sono ancora pronto. Al via, anticipato di un'ora rispetto agli anni scorsi, sotto una fastidiosa pioggerellina, sento i primi mal di pancia. Forse il freddo, infatti ho dimenticato a casa i manicotti, oppure il cibo ingerito, non mi fanno stare bene per i primi chilometri. Che non sarebbe stata una gara comoda lo avevo già preventivato, ma almeno all'inizio speravo in qualche momento di relax, invece neanche il meteo è di conforto. Le suole delle scarpe non sono a posto e scivolano, l'intestino richiede soste extra nel bosco e allora mi tocca chiamare la moglie per farmi portare del materiale nuovo, un vantaggio nella gara che passa sotto casa, ma in altre gare lontane certi errori non li ho mai fatti. Col nuovo materiale e vicino ai miei terreni di allenamento, ho un piccolo momento dove mi sembra che tutto stia volgendo finalmente per il meglio. Helmut ci accompagna per un tratto lungo il Liesing e molti amici dei Freunde des Laufsports ci incitano sulla strada.
Invece nella Lobau, passata la metà della gara, vecchi dolori lasciano spazio a quelli nuovi con le gambe che non mi lasciano scampo costringendomi ad alternare la corsa alla camminata. Michele, però, non va molto meglio e così rimaniamo insieme, visto che entrambi andiamo a sprazzi. Forse è proprio in questi frangenti che l'esperienza gioca un po' a favore e senza perdere la testa, andiamo avanti aspettando momenti migliori.
Dopo tre edizioni, con molti test sul percorso in MTB senza segnali, la navigazione risulta invece ottima e rimane uno dei miei grandi vantaggi.  Anche in condizioni menomate di tanto in tanto si aggiunge la compagnia di qualcuno che vuole andare sul sicuro senza conoscere la strada.
Appena ne ho l'occasione, provo ad usare il ritmo che avevo lo scorso anno, ma sono fuochi di paglia. Arriva l'ultima discesa dal Bisamberg che mi distrugge gli ultimi pezzi funzionanti di muscolatura, ma ormai il traguardo non scappa più. Dopo 16h:39':39" tagliamo il traguardo nella palestra che ci ha ospitati nella notte precedente, e lo sforzo pagato si sfoga in grandi emozioni.
Prima di affrontare il check-up medico finale, ho bisogno di una lunga pausa da passare disteso in quanto non riesco a stare in piedi.
La classifica finale si trova qui.

Corsa sul Nase per la foto



domenica, ottobre 09, 2016

Verso Wien Rund Umadum: la corsa sul Kahlenberg

I miei piedi hanno visto tempi migliori 
Nell'attesa della mia ultima ultra stagionale a fine mese, il Wien Rundumadum ovvero il giro attorno a Vienna, come lo scorso anno mi sono iscritto alla corsa sul Kahlenberg, la montagna più famosa di Vienna.
Sono alla mia terza partecipazione, dopo il 2013 e il 2015. Quest'anno il terreno era in perfette condizioni, ma le mie gambe, o meglio i piedi, non ancora completamente ristabiliti dalle fatiche dell'Adamello, non erano all'altezza degli anni passati. Così anche questa volta ho avuto un peggioramento cronometrico di una cinquantina di secondi, terminando gli 8,3 km con 490 D+ in 36':52", per la 35-ma piazza. La classifica finale si trova qui.
A pochi metri dal traguardo

sabato, ottobre 01, 2016

Adamello Ultra Trail 180, la mia gara


Cima Rovaia
Il racconto
Anche quest'anno, complice un fine settimana libero a disposizione, decido all'ultimo momento di prendere il via all'Adamello Ultra Trail 180, il percorso lungo. Rispetto all'Iron Trail, il team viennese è dimezzato e per la logistica decido di affidarmi al treno e macchina a noleggio per arrivare in tranquillità a Vezza D'Oglio. Alla partenza ritrovo volti già incontrati a Davos, come il team Tractalis che si occupa del live tracking e Jimmy Pellegrini, col quale scambio qualche battuta sui materiali in gara aspettando il via lanciato dal grande Silvano Gadin.
Partenza. Via puntuale alle nove in punto, con i bambini e ragazzi delle scuole tutti in fila a salutarci. Il meteo è bello, anche se c'è una certa umidità che spesso oscura il sole, rendendo la salita sulla Cima Rovaia molto confortevole. Non c'è la neve dello scorso anno, ma nel compenso vengo attaccato da un nuvolo di vespe da terra molto inferocite, una delle quali mi entra perfino nelle scarpe. Sulla Cima Rovaia, che lo scorso anno era stata tagliata, le nuvole rimangono sotto e il paesaggio è stupendo. In questi tratti iniziali il mio ritmo è tranquillo ed ho tutto il tempo per scambiare qualche impressione con l'olandese Willemijn, di sicuro un'atleta non di casa da queste parti, ma questo non le impedirà lo stesso di vincere la classifica femminile con un ottimo finale. Per quanto mi riguarda, la mia tattica di gara è abbastanza semplice, vale a dire andare tranquillo cercando di accorciare il più possibile il tempo passato ai ristori e rinunciare a dormire. Dopo il passaggio sull'anello delle bocchette, esprimo tutte le mie difficoltà nel cercare di mantenere la mia tattica al secondo ristoro, dove la parte più difficile risulta, vista la gentilezza dei volontari, quella di ripartire. Al primo cancello orario Bar de Pes arrivo intorno alle 17, con ottimo slancio. Qui mi ritrovo davanti ad un pezzo nuovo, la salita alla baita delle Graole con un sentiero tutto nuovo ed in perfette condizioni. Così, quest'anno, arrivo a Case di Viso da sopra, anziché da sotto. Questo paese è veramente pittoresco e dopo una breve sosta mi ritrovo a salire verso il rifugio Bozzi. È arrivato il momento di accendere la lampada e di fare conoscenza con un nuovo compagno di viaggio che è arrivato assieme al buio: la nebbia. La discesa verso la malga Cadì al passo del Tonale inizia con l'aggiunta di una fastidiosa pioggia. La nebbia a banchi è a tratti molto intensa e trovare le bandierine non sempre risulta così semplice, ma almeno non mi trovo su tratti esposti, ma sulla larga  pista da sci. Alla malga Cadì ritrovo il clima festoso dello scorso anno, così dopo un altro minestrone ed aver indossato di nuovo la giacca in gorotex, mi avvio verso la città morta, altra salita inedita. Sarà la salita lunghissima, saranno i tratti esposti, sarà la nebbia, ma questa ripida salita con altrettanta discesa mi lasciano il segno, marcando un grande divario tra i percorsi incontrati durante il giorno, che mi avevano illuso di come fosse tutto così semplice, e questi notturni. Al secondo passaggio al passo del Tonale, mi tocca indossare anche i pantaloni in gorotex in quanto ora piove a dirotto e i guanti bagnati mi congelano le mani.
Grazie al live tracking, quest'anno il ristoro di Vescasa è impossibile da saltare. Infatti le signore che hanno allestito un prelibato ristoro nel loro soggiorno, appena notano sul portatile che sta arrivando un corridore, escono per bloccarlo e guidarlo nella loro casa. Così dopo l'ennesima minestra, saluto e mi avvio verso la discesa.
Metà gara. Dopo una ripida discesa raggiungo Ponte di Legno, metà gara, verso le 6 del mattino. Qui decido di cambiare vestiti e scarpe, ma non di riposare, lasciando la base vita dopo pochi minuti.  Nella salita successiva, che sembra infinita, verso Bocchetta di Casola,  mi coglie una crisi di sonno in pieno giorno. Prima di arrivare all'agognato ristoro, devo passare diverse ore senza mangiare. Raggiungo poi Potagna più sotto e comincio ad incontrare i corridori della gara "corta", vale a dire l'ottanta. Al ristoro ho una fame da lupi e mi concedo una bella accoppiata pasta e birra. Il risultato è tutt'altro che buono e alla ripartenza ho una forte nausea con dolori allo stomaco. Anche il fatto di essere superato continuamente dai freschi corridori della gara corta non giova alla mia condizione, ma comunque riesco in qualche modo a raggiungere il rifugio Pornina, dove mi affido alle loro cure. Come lo scorso anno, questo non è il posto per ritirarsi e allora proseguo col mio ritmo lento verso il rifugio cascata, con lo stomaco di nuovo in ordine ma gambe svuotate. Anche qui c'è un nuovo tratto, la salita al Sant' Anna ha lasciato spazio alla salita verso il bivacco Festa sul passo Gallinera. Il paesaggio che mi trovo di fronte dopo il rifugio Aviolo è a dir poco incantevole, e qui mi concedo un bel bagno nell'acqua fredda del torrente per rassodare un po' i quadricipiti prima della salita finale del Gallinera. Dal bivacco al rifugio malga Stail c'è di mezzo una bella discesa tosta, che effettuo con la lampada di nuovo accesa. Alla malga l'addetto al controllo mi assicura che il peggio è passato, ma il mio umore non cambia, anche perché la picchiata verso Edolo è, come lo scorso anno, spacca quadricipiti e mi costa due ore secche.
A Edolo riesco a vivere gli ultimi minuti del sabato. Vorrei dormire un po', ma una volta notato che le brande sono fuori in piazza, riprendo subito il cammino verso la malga Mola. Ricordo lo scorso anno la grande fatica nell'affrontare questa ripida salita, ma questa volta non mi sembra così dura, nel compenso ho una sonno micidiale. Finalmente arrivo alla malga Mola e qui mi metto subito in branda, vorrei riposare un'ora, ma siccome dopo trenta minuti sono già sveglio, riparto col mio solito tran tran.
Tratto finale. In questi tratti penso allo scorso anno, al tratto dal lago del Mortirolo fino al traguardo, che sono riuscito a fare a tutta, ma visto lo stato delle mie gambe ora, quest'anno mi sembra proprio impossibile. Poi mi supera di slancio il numero 74 e qui accade qualcosa di strano. Mi viene voglia di provare a seguirlo e sorprendentemente i dolori che avevo camminando spariscono correndo. Da qui comincio a pregustare la discesa finale verso il traguardo, che effettivamente riesco a correre a tutta, dal lago del Mortirolo fino a Vezza, dove le prime luci del mattino mi danno una carica formidabile. Taglio il traguardo di Vezza con un grande sorriso dopo 47 ore e 16 minuti di gara, 29-emo, uno dei pochi che ha fatto meglio dello scorso anno, con un percorso decisamente più duro. Infatti, poco più della metà dei partenti è riuscita a terminare la gara. La classifica finale si trova qui. Il pranzo offerto al ristorante e la premiazione di tutti i finisher in piazza completano una giornata difficile da dimenticare.
Conclusioni. L'Adamello ultra trail 180 di quest'anno è stato sicuramente molto duro. Maltempo notturno ed un tracciato che diventa sempre più impegnativo con il passare delle ore, hanno fatto selezione. Per contro, la disponibilità degli organizzatori e dei volontari, nonché la bellezza dei posti, ne fanno una gara alla quale farò veramente fatica a rinunciarvi.

Ottimo torrente per una rifrescata prima del passo Gallinera
Case di Viso

Interno ristoro Case di Viso


martedì, settembre 20, 2016

Adamello AUT180, tutto pronto per Vezza D'Oglio

Fine settimana in cui tornerò a Vezza D'Oglio per la terza edizione dell'Adamello Ultra Trail con partenza venerdì 23 settembre alle ore 9. Il live della gara si troverà su http://www.adamelloultratrail.it/, con il mio arrivo previsto, se tutto andrà bene, alla domenica entro l'ora di pranzo, dopo 180km e 11500 di dislivello positivi di gara non-stop.

lunedì, settembre 12, 2016

Errori al T201

Aspettando di partire per Vezza D'Oglio, dove parteciperò all'Adamello Ultra Trail 180, vorrei elencare una serie di errori che ho fatto durante l'Iron Trail T201.

  1. Effetto quota. La pagina web del T201 consiglia un periodo di ambientamento di almeno cinque giorni. Visto che lo sponsor della gara era anche un hotel, ho pensato ad una trovata per incrementare i pernottamenti. Anche il libro di Hal Koerner, Field Guide To Ultrarunning a pagina 118 consiglia di arrivare solo un giorno prima piuttosto che tre o cinque. Risultato: fiatone, mal di testa fino a domenica, poi il mio corpo si è adattato e i sintomi sono spariti. Non avevo la possibilità di arrivare cinque giorni prima a Davos, ma almeno ora so che questo mi crea dei problemi almeno per quattro giorni.
  2. Scarpe. Ho corso con le scarpe Tecnica Inferno 3. Le stesse scarpe della Mozart 100 e l'Abbots Way. Il problema è che alla partenza avevano già un piccolo foro sulla tomaia. Al sabato in gara, però, dopo un venerdì piovoso, erano già voragini e le scarpe erano da buttare. Ma peggio ancora è stato per i piedi. In una gara come la T201, la tomaia deve essere perfetta, specialmente se piove. E magari un cambio di scarpe di scorta nella sacca vestiti non sarebbe stato male.
  3. Sacca vestiti. Non c'è di peggio che aprire la sacca vestiti al ristoro e trovare una canottiera inutile al posto di una maglietta. Un controllo extra di una sacca preparata da giorni non avrebbe guastato.
  4. Maglia a maniche lunghe 'effetto cool'. Ho una maglia a maniche lunghe con effetto cool, il quale proviene dalla velocità di corsa. Buono quando corro in strada, inesistente quando mi trascino in salita sotto il sole di mezzogiorno. Anzi, scalda. Al T201 in quota, dove il vento era molto forte, l'effetto cool era talmente forte che ho dovuto indossare un'altra giacca. I manicotti, invece, li ho abbassati in salita e tirati su, col vento in cima in un attimo, senza andare a tirare dentro e fuori la giacca dallo zaino.  
  5. Guanti. Sono partito con i guanti da ciclista e non ho avuto problemi fino a mezzogiorno, quando la temperatura si è abbassata di colpo. I bastoni in carbonio sono diventati dei ghiaccioli e le dita scoperte hanno cominciato a congelarsi. In teoria bastava fermarsi, togliere lo zaino e cambiare i guanti, magari riponendo i bastoni. Operazione che mi è sembrata impossibile sotto l'acqua, vento e zaino sotto la giacca impermeabile senza nessun riparo in vista. I guanti, invece, dovevano essere in un posto facilmente raggiungibile.  
Una lista sicuramente da non ripetere.

domenica, settembre 04, 2016

Corsa sulla Rax e Adamello

Passaggio spettacolare al Torl
Sabato ho scorso sono tornato sulla montagna Rax per l'annuale corsa, quest'anno con l'opzione di scegliere diversi percorsi. Ho scelto la novità del tragitto denominato Extreme da 15km e 1400D+, anche per provare del materiale nuovo in gara. La corsa non è andata secondo le mie aspettative e mi sono trovato inchiodato anche in tratti dove la corsa in salita era più che fattibile. Col tempo di 2h:20' mi sono garantito l'11-ema posizione di categoria, in passato ho fatto decisamente meglio. La classifica finale si trova qui.

La gara sulla Rax è stato l'ultimo test che mi ha dato il via libera definitivo per iscrivermi, per la seconda volta consecutiva, all'Adamello Ultra Trail 180 con partenza e arrivo a Vezza D'Oglio il prossimo 23 settembre.