martedì, luglio 04, 2017

Debutto da 205km

Intorno alla 14-ema ora con la pioggia
Venerdì sera ho fatto appena in tempo a raggiungere la splendida località di Irdning in Stiria, per partecipare alla mia prima 24 ore su un circuito di 1218 metri. Debutto da 205 km con podio di categoria per il sesto posto finale dopo aver girato davanti al traguardo per 168 volte. Un debutto con una prestazione per me veramente sorprendente.

Ma veniamo a come si è sviluppata la gara.
Dopo la prestazione senza infamia e gloria della Mozart100, mi sono chiesto se iscrivermi ancora una volta alla gara del Veitsch come gli scorsi anni. Però un evento della sera prima della gara mi ha fatto desistere dalla pur debole volontà di parteciparvi. Così ho deciso che fosse arrivato, finalmente, il momento per provare il debutto nella 24-ore stradale. Hubert Beck nel suo "Das große Buch vom Ultra-Marathon"  scrive che ogni ultramaratoneta dovrebbe almeno una volta provare una ventiquattrore.  Sono anni che seguo la gara di Irdning, che sta molto a cuore al mio club i Freunde Des Laufsports, dal computer, senza però mai prendervi parte, preferendo in passato gare come Veitsch e Mozart. Quest'anno è diverso. Il fatto nuovo è che con la gara di Irdning sarei in graduatoria dell'Ultracup Austriaca se porterò a termine anche le varie Wien Rundumadum e Dirndtlextreme da tempo nel mio programma. Per la coppa occorrono almeno tre risultati. Anche la mancanza di gare dove si corre di notte fino alla gara dell'Adamello, mi hanno fatto sciogliere le ultime riserve e mi hanno fatto iscrivere. Le gambe dopo Mozart non sono più così brillanti, ma per i 130km, che è l'obbiettivo minimo per finire in graduatoria coppa e per la corsa per durante la notte dovrebbero bastare.

Così venerdì 30 giugno dopo mangiato, ho interrotto il lavoro e sono partito in auto per raggiungere Irdning, una splendida cittadina a valle delle montagne della Stiria appena dietro alla regione del Salisburgo, un bel posto per me tutto da scoprire.

Arrivo che hanno già bloccato la strada, ma mi riaprono la via e posteggio a fianco del percorso. Lo scopo è quello di avere accesso al baule della macchina dove ho messo i miei vestiti per ogni eventualità, un frigobox per le mie bevande personali, un po' di cibarie e gels.
Al briefing pregara approfitto per un power nap e alle 19 in punto parte la gara. La giornata è ancora lunga, il tempo è splendido e la gente racchiusa nel campeggio del circuito è euforica. Però è uno stato che mi infastidisce, troppe incitazioni quando ancora mancano più di 23 ore alla fine, troppa musica differente che cambia ogni pochi metri e sopratutto moltissimi staffettisti che intendono correre un chilometro lanciato per un giorno interno, che mi superano a velocità allucinanti. Da novellino, ho puntato su una tattica molto semplice. Vale a dire tenere un ritmo costante intorno agli 8 minuti per compiere il giro di 1218 metri, mai dormire, fermarsi proprio lo stretto indispensabile e non contare né i giri tanto meno i chilometri percorsi. Questo per evitare due problemi, il primo che dopo 130 chilometri mi venga voglia di tornarmene a casa, il secondo che subentri o una frustrazione per averne fatti troppo pochi o un appagamento precoce per averne fatti anche più del previsto per essere alla prima gara del genere. Così, senza orologio e gps, guardo il tempo sul giro usando l'orologio a conto alla rovescia ufficiale posto al traguardo. Noto con soddisfazione che i primi due giri sono già nella media che avevo in testa, ma rimane il fatto che quest'enorme display mi si affaccia davanti ad ogni giro, indicandomi che mi mancano ancora oltre ventitré ore e che dall'ultima volta che l'ho visto, sono passati solo otto minuti.
Gente vestita da clown che si ferma a salutare tutti i corridori, pubblico con trombe  e  megafono che ti urla nelle orecchie, bambini che vogliono il cinque e staffettisti che ti fanno il pelo. Non sono proprio abituato a correre un'ultra in mezzo a questa baraonda. In ogni modo, dopo qualche ora mi stabilizzo e pian piano cala la notte. E con la notte arrivano anche il vento e la pioggia. Per me sono un sollievo, il pubblico e i riempi-pista spariscono di colpo e con la musica del mio ipod ritrovo una dolce serenità. All'una di notte ho corso le prime sei ore e, tranne un nuovo dolore al tendine d'Achille che non accetto per principio, vado a gonfie vele. Il freddo, il vento e la pioggia mi fanno invece tornare con la mente ai passi Svizzeri notturni affrontati lo scorso anno e mi viene ancora più voglia di tornarci. La luce del nuovo giorno non ci mette molto a venire e così il mio ritmo cala leggermente. Alle sette, dopo una mia breve video intervista che chissà se potrò mai vedere, parte la gara delle 12 ore. Piove ancora a dirotto, ma il circuito è di nuovo quasi pieno come alla partenza.

Le nuvole si diradano, la pioggia cala e non ho per niente delle buone sensazioni. Infatti verso mezzogiorno esce un sole molto forte che fa evaporare tutta l'acqua e mi mette in grande difficoltà (sbalzo termico? pollini delle graminacee che si rialzano?). Il mio ritmo cala ad ogni giro, torno ad essere doppiato e comincio ad avere i primi giramenti di testa. Non posso più continuare in  questo stato e mi fermo sulla sedia che mi sono portato da casa. Chiudo gli occhi all'istante e mi sveglio dopo un quarto d'ora, ma ora mi sento molto meglio. Una redbull mi rimette in corsa. Lo speaker al mio passaggio dice il mio nome e anche il numero 87, che interpreto come il numero dei giri. A questo punto comincio a fare dei conti e mi saltano fuori dei chilometraggi molto scarsi. Però dal nulla comincio a doppiare il personaggio che è stato in testa la prima sera. Questo mi da una grande iniezione di fiducia e provo a correre più che posso, limitando il passo allo spazio tra il ristoro e il traguardo. Ad un certo punto intravedo il mio cognome nella parte alta del display della classifica, ma per capirla bene dovrei fermarmi ad esaminarla. Non ci penso nemmeno, mancano ancora sei ore alla fine, un'eternità. Però l'idea di essere in lotta coi primi mi da' una grande voglia di stare sempre in corsa senza mai fermarmi veramente al ristoro. A tre ore dalla fine, il mio ritmo è ancora molto buono e continuo a doppiare dei corridori che ormai hanno quasi abbandonato la corsa.

Verso l'ultima ora di gara comincio a vedere degli effetti strani. Da quelli che ormai non riescono neanche a camminare, a quelli che sembravano zoppi fino a qualche ora prima, ma che ora riescono a doppiarmi con facilità. Di classifica non capisco più nulla. Passo il traguardo quando mancano ancora 7 minuti assieme ad un atleta della Repubblica Ceca, gli propongo di tagliare il traguardo assieme. Accetta, ma quando lo tagliamo mi dice che ci sta un altro giro. Secondo i miei fantomatici conti dovremmo avere lo stesso numero di giri, ma invece lui ne ha due in più, anche se questo non lo so. Un giro in sette minuti non l'ho mai fatto e l'ultimo giro non sarà l'eccezione, così a metà ultimo giro mi tocca mollare. Alla fine penso che dovrebbe essere sufficiente per un podio, ma invece non ho considerato due personaggi che mi sono stati sempre davanti ma che non ho riconosciuto. Il podio di categoria invece è una certezza, mentre alla premiazione rimango di stucco quando mi dicono che ho percorso 205,156 chilometri. Mai avrei pensato di riuscire a correre, in questo weekend qui a Irdning, una distanza oltre i duecento km, sopratutto in queste circostanze, con una gara come la Mozart ancora da smaltire, al debutto nella 24h, senza preparazione specifica e la mancanza di un team di supporto in corsa, che a furia di aprire il baule della macchina si è fatta sentire.
La classifica finale si trova qui.        


sabato mattina


mercoledì, giugno 28, 2017

Avanti!

Prossima tappa venerdì 30 giugno 2017 dove debutterò, a Irdning (Stiria), nella specialità della 24 ore. La gara prenderà il via alle ore 19 di venerdì e si concluderà, ventiquattro ore dopo, alle 19 di sabato. Il live della gara si trova su 24h-lauf.at.

domenica, giugno 18, 2017

Mozart 100 - 2017

Assieme allo svizzero Geiger, classe 1942, prima del via,
fotografati dalla leggenda  Joe Kelbel 
Fine settimana trascorso a Salisburgo, dove sabato 17 giugno ho partecipato per la terza volta consecutiva alla Mozart100, gara del World Tour Trail. Tre partecipazioni e tre percorsi diversi. Quello di quest'anno ha abbandonato il doppio giro, ristori tipo maratona e molte strade asfaltate, diventando un giro unico attorno alla città di Salisburgo con i suoi laghi del Fuschl See e Wolfgangsee. Percorso molto selettivo, non tanto per l'incremento dell'altimetria, che ha raggiunto quasi 5000 metri di dislivello positivo, ma per il fatto che i nuovi tratti sono stati molto impegnativi, con scalinate e sassi a non finire. Se alla mia prima volta alla Mozart sono riuscito a correre quasi tutto il percorso senza zaino, quest'anno ho dovuto menare non poco i bastoni per scavalcare tutte le salite e arrivare in tempo per prendere l'ultimo treno per Vienna. Non mi sono fatto mancare il consueto bagno nel lago Fuschl, senza bagnanti per via del vento e del cielo nuvoloso.
Dopo 15h:54'  ho così terminato la mia prima ultra stagionale al 68-emo posto su 381 iscritti. Tranne un po' di ruggine nelle salite coi bastoni, non ho incontrato i problemi delle gare affrontate in maggio. La classifica finale si trova qui.

Per concludere, posso dire che il percorso della Mozart 100 è di fatto diventato un percorso da World Tour Trail e la partecipazione di numerosi atleti stranieri, più della metà, tra di loro anche molto forti, ne conferma la qualità. Per quanto mi riguarda, il percorso degli anni passati era l'unico in cui riuscivo a corre quasi sempre e in più lo finivo in un orario più tranquillo per tornare in giornata. In ogni modo l'arrivo in centro in una città come Salisburgo all'ora dell'aperitivo  rimane sempre un grande spettacolo.
Controllo materiale

venerdì, giugno 02, 2017

Trail del salame

I crampi mi hanno bloccato qui
Domenica 28 maggio sono tornato a San Michele Tiorre per correre per il secondo anno consecutivo il Trail Del Salame, gara sugli Appennini parmensi da 36km con 1600 D+.
Condizioni totalmente differenti rispetto al 2016, con caldo e sintomi di allergia al fieno. Ma la difficoltà più grande da superare sono stati i crampi, che mi hanno frenato quando ancora mancavano 15km al traguardo. Mai avuti prima d'ora così forti e intensi. Una volta raggiunto l'arrivo, essi mi hanno poi inchiodato sulla sedia della foto per almeno tre quarti d'ora. Alla fine ci ho messo quasi mezz'ora in più rispetto allo scorso anno per il 36-emo posto finale in 4h:33', confermando ancora di più i problemi che ho avuto in questo mese negli passati, quando il meteo è stato soleggiato.

facile facile quando la strada è asciutta

martedì, maggio 16, 2017

Prossimo

35000 medaglie pronte per la distribuzione al Frauenlauf
Archiviata la fase delle maratone, ora riprendo il filo delle ultra, anche se quest'anno la mia stagione inizierà solo il 18 giugno con la Mozart 100. Poi proseguirà in agosto con il Dirndltal Extreme, in settembre con l'Adamello 180 per finire in ottobre con il Rund Umadum a Vienna.
Come preparazione, mi sono iscritto per il secondo anno consecutivo al Trail del Salame a fine maggio, mentre domenica prossima sarò impegnato nel Frauenlauf.
Manca quest'anno una corsa inedita, chissà che strada facendo non mi capiti l'occasione.

martedì, maggio 09, 2017

Maratona del Welsch

A pochi metri dal traguardo
Dopo due settimane dalla maratona di Vienna, sono tornato a cimentarmi nella distanza regina nel sud della Stiria per la classica maratona del Welsch, giunta ormai alla 23-ema edizione. Per me è stata la quarta presenza, la terza da Ehrenhausen a Wies.
Quest'anno il mio gruppo sportivo Freunde Des Laufsports non ha iscritto nessun gruppo, così mi sono presentato ai nastri di partenza senza nessun obbiettivo particolare, se non quello di incrementare l'altimetria in vista della prossima Mozart100 in giugno.
La gara è stata contrassegnata da un bellissimo meteo che ha messo a dura prova la mia gestione di gara. I primi chilometri li ho corsi ad un ottimo ritmo e alla mezza, il mio TomTom segnava un tempo di 1h:50', avendo affrontato le salite con un ritmo deciso e controllato in discesa. Poi dopo i primi sintomi di stanchezza alle gambe, ho provato a tenere duro fino alla salitona del km 32, dove poi sono passato al passo chiudendo di fatto la mia prestazione. A questo punto non sono quasi più riuscito a tornare alla corsa, precipitando in uno split positivo di 27'. L'ultima spiaggia è stato il ristoro del km 40, dove sulle ali dell'entusiasmo per essere tornato alla corsa per inerzia (discesa), ho provato il turbo con un bicchiere di vino bianco Welsch Riesling. Il risultato è stato catastrofico e per poco non sono dovuto andare infermeria per problemi intestinali. Sempre di buon umore ho tagliato il traguardo dopo 4h:08', mantenendo comunque delle riserve per la festa finale sotto il classico tendone allestito nella piazza di Wies.

Anche se la tenuta sulla distanza non è stata delle migliori, la maratona del Welsch è stata una buona tappa di avvicinamento alla prima ultra stagionale. Dopo le mie precedenti passate apparizioni al Welsch, che per diverse ragioni le ho sempre affrontate tirando fino all'ultimo, questa volta volta mi sono concesso un approccio più soft cercando sempre di gustarmi la corsa nonostante le difficoltà incontrate. Da bocciare tutte le prove che ho fatto col vestiario, dalla canottiera alle calze che mi hanno quasi dissanguato. La classifica finale si trova qui.

 
Seconda parte di gara
Welschriesling: c'è una ragione per cui questi tipi di bicchieri
e bevande non si trovano spesso nei ristori delle maratone  

giovedì, aprile 27, 2017

VCM 2017

Nel Prater
La 34-ema edizione della Vienna City Marathon è ormai storia. Dopo la nevicata di mercoledì in città, il tempo si è un po' aggiustato alla domenica, con sole, basse temperature e un vento quasi sempre contrario molto fastidioso.
È sempre bello partire la domenica mattina presto per portarmi alla partenza ed incontrare solo corridori. La metropolitana era intasata, ma lo stesso sono riuscito a riconoscere qualche amico prima della partenza per gli ultimi saluti prima del via.
La temperatura era quella ideale per le grandi prestazioni, il vento forte, invece, proprio no. Sono partito dal secondo blocco senza particolari problemi ed ho tenuto il mio ritmo con un po' di riserva per i momenti migliori del fine gara, che però non sono mai arrivati. Nella ricerca delle scie sono andato un po' troppo a sprazzi e alla fine le gambe pesanti mi hanno impedito di correre il mio miglior tempo nella maratona di Vienna per un minuto e mezzo finendo in 3h:23', alla mia quinta partecipazione consecutiva. Però dopo due anni filati sopra le tre ore e mezza, con il miglioramento di quest'anno quasi quasi mi è tornata la voglia di continuare con l'allenamento della maratona, anche se gli stimoli per correre contro il tempo non sono mai stati il mio forte.
Col fatto di aver anche partecipato alla staffetta aziendale con il parziale dei primi 15km, ho avuto, oltre alla doppia medaglia, un seguito nel classico locale del Prater.
In ogni modo il dopo gara è stato un tour de force, con visita medica immediata per lo studio scientifico ULTRON e annesso buffet, poi un passaggio al locale Shuttel dei Freunde Des Laufsports con tanto di birra post VCM e alla fine nella Schweizerhaus per concludere in bellezza la giornata.

Il 6 maggio si replica con la maratona del Welsch.