domenica, settembre 17, 2017

Ultimi giorni prima di Vezza D'Oglio

La mia seconda partecipazione all'AUT 180 non è
passata inosservata. In cima Rovaia col numero 75
Mancano pochi giorni alla mia partenza per Vezza D'Oglio e non posso far altro che pensare a questa citazione che mi calza a pennello: "NELLO SPORT, nei periodi di maggiore intensità dei carichi di allenamento, specialmente in vista di gare importanti, alcuni atleti lamentano sintomatologie dolorose localizzate nel tratto lombo-sacrale.".
In ogni modo, mal di schiena o meteo catastrofico che sia,  non vedo l'ora di tornare sui sentieri dell'Adamello il prossimo venerdì 22 settembre.   
All'inizio della stagione avevo messo questa gara in cima alle mie priorità, ma l'andamento della stagione mi ha fatto propendere più per gare corribili, che, da uomo della pianura, sono molto più semplici da preparare e magari posso anche fare dei risultati migliori. Come se alla mia età i risultati fossero importanti. Però dopo il mio forfait, causa forze maggiori, alla Business Run di Vienna, partire all'Adamello 180 mi sembra il minimo.  

domenica, settembre 03, 2017

Verso l'Adamello: Vienna Trail e Rax





Sul percorso del Vienna Trail
Nel percorso di avvicinamento all'Adamello Ultra Trail 180 del prossimo 22 settembre, dopo la serie di tre ultra filate da 420km, mi sono concesso un intermezzo su gare più brevi e veloci.

La prima, il Vienna Trail, su un percorso attorno alle colline viennesi di Cobenzl, mi ha messo subito alla prova con la tenuta delle mie gambe su velocità alte in percorsi lontano dall'asfalto. È stato un ottimo punto di partenza per ritrovare freschezza nelle gambe. Posizione finale 63-emo sul numero record di 235 finisher.

La seconda gara è stata quella sulla Rax  sul percorso denominato Extreme. Percorso già affrontato lo scorso anno, con una mia prestazione tutt'altro che convincente. Quest'anno le condizioni sono state l'opposto, temperature in cima ad una singola cifra, ma soprattutto un'umidità molto fastidiosa dovuta alla nebbia. La Rax Extreme presenta un tipo di percorso molto vario, discesa iniziale veloce, poi salita mista a rampe e serpentine fino alla porta nella roccia che spesso mi costringono al passo. Una volta in cima, il percorso diventa molto simile ad una gara di cross con continui saliscendi da correre sempre. In questa seconda parte ho ritrovato una buona gamba che mi ha permesso di recuperare posizioni perse durante la salita al passo. Almeno fino a quando la nebbia non mi ha fatto propendere nel rimanere assieme ad un altro corridore per non rischiare di uscire dal percorso in maglietta a maniche corte. 18-ema posizione finale in 2h:09', e quasi dodici minuti meglio dello scorso anno, mi hanno fatto ritrovare il feeling con questa gara.

Bivio Vienna Trail Run

Rax: passaggio alla porta di pietra



Nebbia sulla Rax

lunedì, agosto 07, 2017

Dirndltal Extreme Ultratrail 2017

Al check point 5

Tornando sulle tracce del Pilachtal ho corso per la quarta volta il DIRNDLTAL EXTREM Ultratrail, terza ultra stagionale. Con un tempo di 16h:04' mi sono assicurato il sesto posto finale e la fibia ufficiale.
Ottima conduzione di gara nella parte centrale, ma rallentata nella parte finale per problemi di stomaco.

La classifica completa si trova qui.

CP 3

CP 3
Premiazione

verso il CP4

CP 5
CP 3


video

domenica, luglio 30, 2017

What Next?

Terminate le vacanze al mare perlopiù passate per ritrovare dei piedi di nuovo abili alla corsa, la prossima gara alla quale parteciperò sarà la dirndltalextrem.com il 5 agosto, gara valida per la Ultra Cup. Sarà la mia quarta partecipazione e, dopo le fatiche di Irdning, sono curioso di vedere quale sarà il risultato.

Il live della gara a partire da sabato 5 agosto ore 6 su http://dirndltalextrem2017.legendstracking.com/

martedì, luglio 04, 2017

24H: Debutto da 205km

Intorno alla 14-ema ora con la pioggia
Venerdì sera ho fatto appena in tempo a raggiungere la splendida località di Irdning in Stiria, per partecipare alla mia prima 24 ore su un circuito di 1218 metri. Debutto da 205 km con podio di categoria per il sesto posto finale dopo aver girato davanti al traguardo per 168 volte. Un debutto con una prestazione per me veramente sorprendente.

Ma veniamo a come si è sviluppata la gara.
Dopo la prestazione senza infamia e gloria della Mozart100, mi sono chiesto se iscrivermi ancora una volta alla gara del Veitsch come gli scorsi anni. Però un evento della sera prima della gara mi ha fatto desistere dalla pur debole volontà di parteciparvi. Così ho deciso che fosse arrivato, finalmente, il momento per provare il debutto nella 24-ore stradale. Hubert Beck nel suo "Das große Buch vom Ultra-Marathon"  scrive che ogni ultramaratoneta dovrebbe almeno una volta provare una ventiquattrore.  Sono anni che seguo la gara di Irdning, che sta molto a cuore al mio club i Freunde Des Laufsports, dal computer, senza però mai prendervi parte, preferendo in passato gare come Veitsch e Mozart. Quest'anno è diverso. Il fatto nuovo è che con la gara di Irdning sarei in graduatoria dell'Ultracup Austriaca se porterò a termine anche le varie Wien Rundumadum e Dirndtlextreme da tempo nel mio programma. Per la coppa occorrono almeno tre risultati. Anche la mancanza di gare dove si corre di notte fino alla gara dell'Adamello, mi hanno fatto sciogliere le ultime riserve e così mi sono iscritto. Le gambe dopo Mozart non sono più così brillanti, ma per i 130km, che è l'obbiettivo minimo per finire in graduatoria coppa, e per una corsa che duri tutta la notte dovrebbero bastare.

Così venerdì 30 giugno dopo mangiato, ho interrotto il lavoro e sono partito in auto per raggiungere Irdning, una splendida cittadina a valle delle montagne della Stiria appena dietro alla regione del Salisburgo, un bel posto per me tutto da scoprire.

Arrivo che hanno già bloccato la strada, ma mi riaprono la via e posteggio a fianco del percorso. Lo scopo è quello di avere accesso al baule della macchina dove ho messo i miei vestiti per ogni eventualità, un frigobox per le mie bevande personali, un po' di cibarie e gels.
Al briefing pregara approfitto per un power nap e alle 19 in punto parte la gara. La giornata è ancora lunga, il tempo è splendido e la gente racchiusa nel campeggio del circuito è euforica. Però è uno stato che mi infastidisce, troppe incitazioni quando ancora mancano più di 23 ore alla fine, troppa musica differente che cambia ogni pochi metri e sopratutto moltissimi staffettisti che intendono correre un chilometro lanciato per un giorno interno, che mi superano a velocità allucinanti. Da novellino, ho puntato su una tattica molto semplice. Vale a dire tenere un ritmo costante intorno agli 8 minuti per compiere il giro di 1218 metri, mai dormire, fermarsi proprio lo stretto indispensabile e non contare né i giri tanto meno i chilometri percorsi. Questo per evitare due problemi, il primo che dopo 130 chilometri mi venga voglia di tornarmene a casa, il secondo che subentri o una frustrazione per averne fatti troppo pochi o un appagamento precoce per averne fatti anche più del previsto per essere alla prima gara del genere. Così, senza orologio e gps, guardo il tempo sul giro usando l'orologio a conto alla rovescia ufficiale posto al traguardo. Noto con soddisfazione che i primi due giri sono già nella media che avevo in testa, ma rimane il fatto che quest'enorme display mi si affaccia davanti ad ogni giro, indicandomi che mi mancano ancora oltre ventitré ore e che dall'ultima volta che l'ho visto, sono passati solo otto minuti.
Gente vestita da clown che si ferma a salutare tutti i corridori, pubblico con trombe  e  megafono che ti urla nelle orecchie, bambini che vogliono il cinque e staffettisti che ti fanno il pelo. Non sono proprio abituato a correre un'ultra in mezzo a questa baraonda. In ogni modo, dopo qualche ora mi stabilizzo e pian piano cala la notte. E con la notte arrivano anche il vento e la pioggia. Per me sono un sollievo, il pubblico e i riempi-pista spariscono di colpo e con la musica del mio ipod ritrovo una dolce serenità. All'una di notte ho corso le prime sei ore e, tranne un nuovo dolore al tendine d'Achille che non accetto per principio, vado a gonfie vele. Il freddo, il vento e la pioggia mi fanno invece tornare con la mente ai passi Svizzeri notturni affrontati lo scorso anno e mi viene ancora più voglia di tornarci. La luce del nuovo giorno non ci mette molto a venire e così il mio ritmo cala leggermente. Alle sette, dopo una mia breve video intervista che chissà se potrò mai vedere, parte la gara delle 12 ore. Piove ancora a dirotto, ma il circuito è di nuovo quasi pieno come alla partenza.

Le nuvole si diradano, la pioggia cala e non ho per niente delle buone sensazioni. Infatti verso mezzogiorno esce un sole molto forte che fa evaporare tutta l'acqua e mi mette in grande difficoltà (sbalzo termico? pollini delle graminacee che si rialzano?). Il mio ritmo cala ad ogni giro, torno ad essere doppiato e comincio ad avere i primi giramenti di testa. Non posso più continuare in  questo stato e mi fermo sulla sedia che mi sono portato da casa. Chiudo gli occhi all'istante e mi sveglio dopo un quarto d'ora, ma ora mi sento molto meglio. Una redbull mi rimette in corsa. Lo speaker al mio passaggio dice il mio nome e anche il numero 87, che interpreto come il numero dei giri. A questo punto comincio a fare dei conti e mi saltano fuori dei chilometraggi molto scarsi. Però dal nulla comincio a doppiare il personaggio che è stato in testa la prima sera. Questo mi da una grande iniezione di fiducia e provo a correre più che posso, limitando il passo allo spazio tra il ristoro e il traguardo. Ad un certo punto intravedo il mio cognome nella parte alta del display della classifica, ma per capirla bene dovrei fermarmi ad esaminarla. Non ci penso nemmeno, mancano ancora sei ore alla fine, un'eternità. Però l'idea di essere in lotta coi primi mi da' una grande voglia di stare sempre in corsa senza mai fermarmi veramente al ristoro. A tre ore dalla fine, il mio ritmo è ancora molto buono e continuo a doppiare dei corridori che ormai hanno quasi abbandonato la corsa.

Verso l'ultima ora di gara comincio a vedere degli effetti strani. Da quelli che ormai non riescono neanche a camminare, a quelli che sembravano zoppi fino a qualche ora prima, ma che ora riescono a doppiarmi con facilità. Di classifica non capisco più nulla. Passo il traguardo quando mancano ancora 7 minuti assieme ad un atleta della Repubblica Ceca, gli propongo di tagliare il traguardo assieme. Accetta, ma quando lo tagliamo mi dice che ci sta un altro giro. Secondo i miei fantomatici conti dovremmo avere lo stesso numero di giri, ma invece lui ne ha due in più, anche se questo non lo so. Un giro in sette minuti non l'ho mai fatto e l'ultimo giro non sarà l'eccezione, così a metà ultimo giro mi tocca mollare. Alla fine penso che dovrebbe essere sufficiente per un podio, ma invece non ho considerato due personaggi che mi sono stati sempre davanti ma che non ho riconosciuto. Il podio di categoria invece è una certezza, mentre alla premiazione rimango di stucco quando mi dicono che ho percorso 205,156 chilometri. Mai avrei pensato di riuscire a correre, in questo weekend qui a Irdning, una distanza oltre i duecento km, sopratutto in queste circostanze, con una gara come la Mozart ancora da smaltire, al debutto nella 24h, senza preparazione specifica e la mancanza di un team di supporto in corsa, che a furia di aprire il baule della macchina si è fatta sentire.
La classifica finale si trova qui.        


sabato mattina


mercoledì, giugno 28, 2017

Avanti!

Prossima tappa venerdì 30 giugno 2017 dove debutterò, a Irdning (Stiria), nella specialità della 24 ore. La gara prenderà il via alle ore 19 di venerdì e si concluderà, ventiquattro ore dopo, alle 19 di sabato. Il live della gara si trova su 24h-lauf.at.

domenica, giugno 18, 2017

Mozart 100 - 2017

Assieme allo svizzero Geiger, classe 1942, prima del via,
fotografati dalla leggenda  Joe Kelbel 
Fine settimana trascorso a Salisburgo, dove sabato 17 giugno ho partecipato per la terza volta consecutiva alla Mozart100, gara del World Tour Trail. Tre partecipazioni e tre percorsi diversi. Quello di quest'anno ha abbandonato il doppio giro, ristori tipo maratona e molte strade asfaltate, diventando un giro unico attorno alla città di Salisburgo con i suoi laghi del Fuschl See e Wolfgangsee. Percorso molto selettivo, non tanto per l'incremento dell'altimetria, che ha raggiunto quasi 5000 metri di dislivello positivo, ma per il fatto che i nuovi tratti sono stati molto impegnativi, con scalinate e sassi a non finire. Se alla mia prima volta alla Mozart sono riuscito a correre quasi tutto il percorso senza zaino, quest'anno ho dovuto menare non poco i bastoni per scavalcare tutte le salite e arrivare in tempo per prendere l'ultimo treno per Vienna. Non mi sono fatto mancare il consueto bagno nel lago Fuschl, senza bagnanti per via del vento e del cielo nuvoloso.
Dopo 15h:54'  ho così terminato la mia prima ultra stagionale al 68-emo posto su 381 iscritti. Tranne un po' di ruggine nelle salite coi bastoni, non ho incontrato i problemi delle gare affrontate in maggio. La classifica finale si trova qui.

Per concludere, posso dire che il percorso della Mozart 100 è di fatto diventato un percorso da World Tour Trail e la partecipazione di numerosi atleti stranieri, più della metà, tra di loro anche molto forti, ne conferma la qualità. Per quanto mi riguarda, il percorso degli anni passati era l'unico in cui riuscivo a corre quasi sempre e in più lo finivo in un orario più tranquillo per tornare in giornata. In ogni modo l'arrivo in centro in una città come Salisburgo all'ora dell'aperitivo  rimane sempre un grande spettacolo.
Controllo materiale