mercoledì, febbraio 15, 2017

Vita da maratoneta

Studio di tabelle col solito risultato: infortunio.
In questo frangente della mia carriera di podista post mezza età, il ritorno ad un regime di allenamento pre-maratona, che qualcuno magari arditamente definirebbe quasi serio, ho potuto riassaporare sensazioni già provate, che ahimè avevo quasi dimenticato. Vale a dire il classico infortunio di febbraio/marzo in vista della preparazione della maratona primaverile, quando il mio fisico, finalmente, comincia a rispondere bene agli allenamenti.
Non è stato un caso, infatti, che negli ultimi due anni passati non mi sia infortunato affrontando la preparazione all'acqua di rose. Magari con un'ultra in mezzo tanto per rallentare un po' le gambe, cancellare vecchi dolori e pervenire sessioni che nel giro di pochi minuti mi mettono subito KO, come neanche giorni interi passati senza recchia su valli e creste, mi hanno mai fermato.

Non che a correre ultra non mi sia infortunato, anzi, ma posso capire un piede che si prende un paio di mesi di vacanza dopo una serie di gare come Davos, Adamello e WRU. Ma non una gamba, che neanche dopo venti minuti, pretende tre settimane di relax perché quella sera gli girava così.
Solo per questo mi verrebbe voglia di iscrivermi ad una 500 miglia. Poi vorrei vedere se alla fine non riesco a far digerire, a queste signorine gambe così delicate, che magari non sia meglio una gara come la maratona invece di un'ultra. Ma alla fine lo so, che per ripicca sui piedi, faranno finta di niente e gireranno giorni interi come se niente fosse.
  

domenica, gennaio 22, 2017

Vita da ultra, vita da maratoneta

Se c'è un aspetto della vita da ultra-trailer che mi piace, è che è inutile parlare con la gente che mi circonda di questo strano hobby, in quanto difficilmente si viene capiti, sempre che ci sia qualcosa da capire. Alcuni colleghi ci provano arrampicandosi sugli specchi della forza della mente, della resilenza, che neanche il correttore ortografico di google sa cosa sia, magari davanti ad un pubblico composto da venditori di mobili, ma è durissima.

Non come quando ho cominciato a correre con la prospettiva di affrontare la mia prima maratona, dove tutto il mondo deve sapere quali sono i miei progressi di allenamento. I social network hanno così un senso, spazio ideale per i primi successi, la tabella di allenamento e la dieta che sto usando. E poi, è molto facile incontrare qualcuno che si trova nella stessa situazione e ci si capisce subito. "Oggi ho fatto un lungo che ho finito alla Tergat", "Ieri sette ripetute sui mille metri ai tre e cinquanta al km", "Mi fa male il ginocchio, sarà colpa del drop elevato?".
Come si fa a non ricevere un accenno di solidarietà, un consiglio sulle nuove scarpe o un'idea per un nuovo tipo di preparazione. Perché è movimento, il corpo apprezza, abbassa il colesterolo, riempie il fisico di endorfine e non può che non fare bene alla propria salute. Perlomeno così sta' scritto in tutti i manuali della corsa e nella sezione salute del giornale gratuito della metropolitana. "Basta non esagerare" dice sempre il mio medico prima di firmare il certificato per l'AUT180. Perché anche il maratoneta più sprovvisto sa che che il carbo-loading si fa qualche giorno prima della gara, le vesti col numero, senza strapparle, si preparano la sera prima e non si gioca a dadi nelle ultime 12 settimane prima del giorno X, questo per far si che si avverino le scritture della "Maratona in 6 mesi".

In fondo, è quello che più mi piace della preparazione alla maratona di Vienna, un ritorno alla normalità della vita da podista. Qualche settimana di serio allenamento, come vogliono i professori, guru, radiocronisti e ingegneri, prima di tornare alla malsana vita da ultra, dove per preparare una gara tipo T201 passo più tempo a leggere Thomas Mann e guardare il film di Sorrentino girato a Davos, che sulle montagne.

lunedì, gennaio 09, 2017

Programma stagionale 2017

Con l'arrivo del nuovo anno, comincio a fare programmi per la nuova stagione. Non ho aspettato il 2017 per decidere le gare alle quali parteciperò, ma da tempo sono ormai iscritto alla Mozart 100, ultra trail del mese di giugno. Per aprile, non mancherà la mia partecipazione alla maratona di Vienna, così ad agosto sarò di nuovo al via del Dirndltalextreme. Per il resto della stagione, invece, è ancora tutto aperto, ma non sarà una stagione all'insegna di un allungamento delle gare, ma probabilmente abbastanza selettiva per quanto riguarda il numero delle mie ultra.

lunedì, dicembre 19, 2016

Materiale dell'anno: il fu Nokia 1110

Sempre con me quando è necessario
un telefono in gara
Difficilmente parlo di materiali su questo blog. Sui vari orologi super tecnologici non posso riferire, in quanto sono anni che non ne uso più uno. Degli zaini, quelli che oggi sembrano la leggerezza fatta veste, diventano la zavorra di domani. Sulle scarpe, quelle che sotto l'albero di Natale promettono i miracoli, a Pasqua sono l'origine di tutti gli infortuni della terra.

Solo un dispositivo ha superato la prova del tempo e mi ha accompagnato per tutti questi anni, senza abbandonarmi mai, dal monte Raut, al monte Lama, dal Segantini alla Casera Valine Alta, dall'Eisenstein al Rocco Ponnina.
Vale a dire il mio Nokia 1110, sempre con me quando il materiale obbligatorio richiedeva un telefono. Questo piccolo dispositivo, dal 2008, non mi ha mai fatto perdere tempo nello scattare foto, nell'aggiornare in gara Facebook e compagnia, con una batteria che dura una decina di giorni.
Perché ne parlo solo ora? Perché probabilmente non potrà più accompagnarmi in gara, in quanto l'altoparlante, assieme al mio piede sinistro, ha inspiegabilmente smesso di funzionare, trasformando le mie chiamate a direzione unica.

Ma è davvero così problematico non sentire l'altro interlocutore?

sabato, novembre 19, 2016

Bilancio stagionale 2016

Buone vacanze ai piedi
Anche quest'anno è arrivato il momento del post che tratta il bilancio della mia stagione appena conclusa.
Ancora da record per quanto riguarda i chilometri in gara: 1130 km e 39000 metri di dislivello positivo affrontati con un numero attaccato alla maglia.
Le ultra che ho percorso sono state 7, di cui solo una sotto i cento chilometri confermando il trend quantitativo dello scorso anno.
Devo dire che ho decisamente migliorato le prestazioni nelle gare in ambiente alpino, tra tutte un'ottima prestazione nell'Adamello Ultra Trail.
Già in gennaio ho affrontato la prima ultra just for fun, anche se con qualche problema muscolare.
Ho poi rispolverato il cross ed è stato divertente, tornando addirittura sul podio di categoria in una gara sotto i venti minuti.
Aprile, invece, si è confermato un mese problematico con un clima primaverile per me ostile, dove la maratona di Vienna e l'Abbots Way ne hanno risentito, anche se in quest'ultimo ho fatto molto meglio rispetto al 2015.
A fine maggio è stato il periodo di massima forma, con un ottimo piazzamento al Trail del Salame. Forma che ho cercato di mantenere per qualche settimana fino alla Mozart100, una delle due gare in cui ho cercato di andare sempre al limite, ma con una prestazione non esente da problemi. Problemi muscolari che non si sono risolti nei giorni successivi, e così mi sono ritrovato sul Veitsch a combattere, con successo, contro il mio primo DNF della carriera.
Agosto è stato il mese dell'Iron Trail, una gara che ho svolto con l'handicap della quota, ma che ho affrontato con lo spirito di finirla, trovando anche un ottimo inaspettato finale. Ma 200 chilometri in ambiente alpino, a tratti con maltempo, lasciano il segno.
In settembre sono tornato a gareggiare sulla Rax, gara dove mi aspettavo un tipo di prestazione che proprio non è arrivata. Ma forse è servita per poter affrontare con più umiltà l'Adamello, una gara nella quale ho avuto veramente ottimi momenti, anche se inframezzati da una crisi micidiale di stomaco, dove alla fine sono andato oltre il limite di sopportazione dei miei piedi ottenendo un piazzamento inaspettato.
In questo stato ho voluto lo stesso affrontare la preparazione al Wien Rundumadum sulla falsa riga dello scorso anno, ma il mio piede sinistro non me l'ha consentito. Così non mi è rimasto altro che affrontarla con l'obbiettivo, se possibile, di finirla per la terza volta consecutiva.

E le gare su strada? Tranne la Mozart, che però aveva solo il 40% di asfalto, sono andato decisamente peggio rispetto agli anni passati. Chissà che non sia lo stimolo per tornare a fare meglio in questa tipologia di gare.
 
 

martedì, novembre 01, 2016

Wien Rundumadum terza edizione

Classico arrivo in palestra al sabato sera dopo oltre 16h di gara
Ci sono gare con le quali faccio fatica a capire come mai abbia deciso di presentarmi al via, ma se il DNF (do not finish - ritirato in gara) non fa parte del mio curriculum, dopo una miriade di gare, anche il DNS (do not started - non partito)  mi risulta sempre più indigesto.  Così, con un allenamento in dosi omeopatiche nelle gambe, 3 uscite da 10km e una gara da 8km in 5 settimane, ma sopratutto un dolore al piede che non mi abbandona dal dopo Adamello 180, mi presento al ritiro pettorale di questo Wien Rundumadum edizione 2016, 130Km e 1800 D+ attorno a Vienna. Con Michele affrontiamo la notte in palestra, dove al rientro dalla cena dal ristorante indiano, la ritroviamo già in profondo sonno e quasi rimaniamo chiusi fuori. Prima del via, saluto e scambio qualche impressione sulla stagione appena trascorsa con molti personaggi conosciuti, per poi ritrovarmi all'inizio del breefing che non sono ancora pronto. Al via, anticipato di un'ora rispetto agli anni scorsi, sotto una fastidiosa pioggerellina, sento i primi mal di pancia. Forse il freddo, infatti ho dimenticato a casa i manicotti, oppure il cibo ingerito, non mi fanno stare bene per i primi chilometri. Che non sarebbe stata una gara comoda lo avevo già preventivato, ma almeno all'inizio speravo in qualche momento di relax, invece neanche il meteo è di conforto. Le suole delle scarpe non sono a posto e scivolano, l'intestino richiede soste extra nel bosco e allora mi tocca chiamare la moglie per farmi portare del materiale nuovo, un vantaggio nella gara che passa sotto casa, ma in altre gare lontane certi errori non li ho mai fatti. Col nuovo materiale e vicino ai miei terreni di allenamento, ho un piccolo momento dove mi sembra che tutto stia volgendo finalmente per il meglio. Helmut ci accompagna per un tratto lungo il Liesing e molti amici dei Freunde des Laufsports ci incitano sulla strada.
Invece nella Lobau, passata la metà della gara, vecchi dolori lasciano spazio a quelli nuovi con le gambe che non mi lasciano scampo costringendomi ad alternare la corsa alla camminata. Michele, però, non va molto meglio e così rimaniamo insieme, visto che entrambi andiamo a sprazzi. Forse è proprio in questi frangenti che l'esperienza gioca un po' a favore e senza perdere la testa, andiamo avanti aspettando momenti migliori.
Dopo tre edizioni, con molti test sul percorso in MTB senza segnali, la navigazione risulta invece ottima e rimane uno dei miei grandi vantaggi.  Anche in condizioni menomate di tanto in tanto si aggiunge la compagnia di qualcuno che vuole andare sul sicuro senza conoscere la strada.
Appena ne ho l'occasione, provo ad usare il ritmo che avevo lo scorso anno, ma sono fuochi di paglia. Arriva l'ultima discesa dal Bisamberg che mi distrugge gli ultimi pezzi funzionanti di muscolatura, ma ormai il traguardo non scappa più. Dopo 16h:39':39" tagliamo il traguardo nella palestra che ci ha ospitati nella notte precedente, e lo sforzo pagato si sfoga in grandi emozioni.
Prima di affrontare il check-up medico finale, ho bisogno di una lunga pausa da passare disteso in quanto non riesco a stare in piedi.
La classifica finale si trova qui.

Corsa sul Nase per la foto



domenica, ottobre 09, 2016

Verso Wien Rund Umadum: la corsa sul Kahlenberg

I miei piedi hanno visto tempi migliori 
Nell'attesa della mia ultima ultra stagionale a fine mese, il Wien Rundumadum ovvero il giro attorno a Vienna, come lo scorso anno mi sono iscritto alla corsa sul Kahlenberg, la montagna più famosa di Vienna.
Sono alla mia terza partecipazione, dopo il 2013 e il 2015. Quest'anno il terreno era in perfette condizioni, ma le mie gambe, o meglio i piedi, non ancora completamente ristabiliti dalle fatiche dell'Adamello, non erano all'altezza degli anni passati. Così anche questa volta ho avuto un peggioramento cronometrico di una cinquantina di secondi, terminando gli 8,3 km con 490 D+ in 36':52", per la 35-ma piazza. La classifica finale si trova qui.
A pochi metri dal traguardo